Il lavoro rende liberi

-E questo, infine, è il laboratorio per lo sviluppo delle lastre.
-Sono senza parole, congratulazioni.
-Allora, che ne dice?
-Be', c'è poco da dire: il nuovo ospedale è davvero uno splendore. Ottimo lavoro, davvero.
-Sono felice che le piaccia.
-Solo...
-Solo?
-Solo, non so, quei simboli dappertutto...
-A quali simboli allude, scusi?
-Be', a quelli che sono sulle porte, negli ascensori, sulle lenzuola, perfino sui camici del personale...
-Ah, intende quelle...
-...svastiche? Sì, mi riferisco proprio a quelle.
-Eh, no. Guardi, dev'esserci un equivoco.
-Un equivoco? Ma quelle sono con ogni evidenza delle...
-...croci equilatere con bracci piegati ad angoli retti.
-Appunto, delle svastiche!
-Abbia pazienza, ma lei lo sa che quelle "svastiche", come le chiama lei, sono utilizzate come simboli di buon augurio sin dal neolitico?
-Sì, ma insomma...
-E mi dica, quale posto più di un ospedale è adatto ad ospitare dei simboli di buon augurio?
-Non discuto questo, ci mancherebbe, ma insomma lei capirà...
-Cosa dovrei capire, mi scusi?
-Be', si tratta di un simbolo che evoca un periodo storico non propriamente edificante...
-Non colgo: a cosa si riferisce in particolare?
-Come sarebbe? Mi riferisco al nazismo, ovviamente.
-Se lo lasci dire, questo da lei non me l'aspettavo!
-In che senso, scusi?
-Be', evocare addirittura il nazismo, roba vecchia di settant'anni, al solo scopo di screditarci, via, è un colpo basso!
-Ma no, cosa va a pensare? E' solo che magari, sa com'è, qualcuno potrebbe restarci male...
-Qualcuno che vuole vedere ombre anche dove non ci sono, se lo lasci dire!
-Ma io non discuto...
-Ecco, non discuta! Roba da matti: il nazismo! Acqua passata che non interessa più a nessuno, tranne le solite malelingue sempre pronte a sputare veleno su chi di dà da fare per il bene comune!
-D'accordo, ma lei capirà che con le vostre posizioni politiche...
-Questa è bella! Che c'entra la politica, adesso?
-Be', siete un partito di destra, o sbaglio?
-Democraticamente eletto, glielo ricordo!
-Certo, ci mancherebbe. Però, sa, è anche una questione di opportunità, proprio per non dar modo ai vostri detrattori di dire...
-Ah ah ah! I detrattori! Noi ce ne freghiamo, dei nostri detrattori, caro lei!
-...
-E le dico di più: che parlino, questi disfattisti! Che dicano pure quello che vogliono! Noi tiriamo dritto, amico mio, e sa perché?
-Perché...
-Glielo dico subito: perché abbiamo il popolo dalla nostra parte, come lei dovrebbe sapere fin troppo bene! E perché siamo gente che lavora!
-...
-E il lavoro, caro signore, rende liberi!

Questo post è stato pubblicato il 18 settembre 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

18 Responses to “Il lavoro rende liberi”

  1. http://it.wikipedia.org/wiki/Svastica

    RispondiElimina
  2. "-Abbia pazienza, ma lei lo sa che quelle svastiche, come le chiama lei, sono utilizzate come simboli di buon augurio sin dal neolitico?"

    "-Be', evocare addirittura il nazismo, roba vecchia di settant'anni, al solo scopo di screditarci, via, è un colpo basso!"

    Fatemi capire, rievocano un simbolo del neolitico e poi mi si viene a dire che il simbolo del nazismo è roba vecchia solo perchè risale a 70 anni fa?

    Ma sono solo io che non ci vedo chiaro?

    RispondiElimina
  3. Sì, è all'incirca così che la vorrebbero mettere.

    RispondiElimina
  4. A proposito di leghisti, e a proposito di quello che si diceva nel post di ieri sulla cultura del tipico elettore di cdx, date un okkiata a questo volantino della Lega di Adro....tanto per ridere ogni tanto:

    http://31canzoni.blogspot.com/2010/09/lega-nord-sezione-di-adro.html

    RispondiElimina
  5. Sto ancora ridendo....ma amaro :-)
    Grande !
    " Il lavoro rende liberi "----" Arbeit macht Frei "....
    Non ho commenti... Troppo bello e sottile... ! :-)))
    Complimenti!, ma davvero!
    Piero T.

    RispondiElimina
  6. L'ignoranza è il loro humus.
    In essa proloferano. Bobbio disse: "i popolo che dimenticano la storia, sono destinati a ripercorrerla."
    Ricordo che da ragazzino mi scandalizzavo quando leggevo sui cartelli degli affittasi: "No meridionali" cos'è cambiato da trenn'anni a questa parte? In buona sostanza nulla.
    Bossi? Ha infilato le sue sudaticce braccia nella melma sedimentata sul fondo dell'ignoranza e le ha agitate.
    Dobbiamo solo aspettare che ritorni a sedimentare o si dovrà fare altro?
    Mah

    RispondiElimina
  7. proloferano leggi proliferano

    RispondiElimina
  8. Mah... sarà che ci sia da ridere, a me sembra che questi siano mooolto pericolosi, loro, i loro modi, le loro idee, e le "genti" che li sostengono e quelli che minimizzano. Il post mi pare perfetto... il succo c'è tutto e non c'è tanto da ridere.

    Un saluto da Altrove

    RispondiElimina
  9. Beh, non siamo mica tanto distanti.
    Però la risposta dei 1000 di Adro con il tricolore rincuora un pò.

    RispondiElimina
  10. @Giuseppe
    come dicono nel volantino:"loro non stanno dalla parte dei cervelli!"
    E si vede, quando li hanno distribuiti loro erano in bagno.....

    RispondiElimina
  11. Beh che ci aspettiamo in un paese dove ci si batte per il crocefisso appeso in aula?
    Nel senso [meglio specificare]che in un paese nel quale i cattolici come mia madre dicono che "il crocefisso è simbolo di sacrificio a prescindere se ci credi o no" è logico che è ipocrita condannare il leghista che dice "per chi non è leghista il sole delle alpi è solo un fiore".
    Per il resto ritengo questa questione un "problema esca" per distrarre la gente dai veri problemi dell'Italia.
    Se un giorno qualcuno userà simboli inneggianti al fascismo,al razzismo e al nazismo li sanzioneremo come da codice penale e ci incazzeremo come iene ma fino ad allora bastano i genitori di quella scuola ad indignarsi e la magistratura ad appurare eventuali illeciti.

    RispondiElimina
  12. http://www.youtube.com/watch?v=9CRihZGCY1A&feature=player_embedded#!

    ilNichilista - "Siamo ad Adro, non in Italia".

    RispondiElimina
  13. Utilizzare proprio la "svastica" come esempio per questo articolo, non mi sembra una scelta molto felice. La croce uncinata è prima di tutto il millenario simbolo delle grandi religioni orientali... http://it.wikipedia.org/wiki/Svastica .

    RispondiElimina
  14. salve,
    volevo farvi complimenti per il blog
    veramente molto bello
    continuate cosi!

    RispondiElimina
  15. "chi non salta italiano è" .. :-|

    (l'attore Saverio Tommasi infiltrato in una festa della Lega)

    http://www.youtube.com/watch?v=zd4tJPRMxFY

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post