Il sesso, frontiera di libertà

Non credo sia un caso che tutte le religioni, nessuna esclusa, abbiano sempre mortificato la sfera sessuale degli individui a forza di divieti, anatemi e castighi; così come non mi pare una coincidenza, per restare alle vicende che ci riguardano più da vicino, il fatto che molti governi occidentali siano assai riluttanti a fare proprie le istanze della chiesa quando si parla di immigrazione, giustizia sociale e assistenza alle fasce deboli della popolazione ma scattino sugli attenti, pronti a recepire le linee guida dal vaticano, se l'argomento incriminato riguarda, sia pure alla lontana, il sesso.
La mia sensazione è che irregimentare gli impulsi sessuali delle persone entro una dimensione prestabilita costituisca un formidabile strumento per comprimere le loro istanze di libertà; che il controllo del sesso sia la forma di oppressione degli individui più efficacemente utilizzata nel corso dei millenni; e che il sesso, di conseguenza, costituisca una chiave di lettura politica della realtà (probabilmente una delle più significative) e rappresenti quindi un'autentica frontiera di libertà, sulla quale varrebbe la pena di soffermarsi a riflettere un po' più attentamente, meglio se in modo non convenzionale.
Ragion per cui, anche se non so ancora esattamente come, e al di là delle facili battute cui la cosa potrebbe prestarsi, credo che cercherò di scriverne più spesso, e soprattutto (anche) in modo diverso rispetto a quanto non abbia già fatto fino ad oggi: magari sollecitando di tanto in tanto la vostra partecipazione.
Siete avvisati.

Questo post è stato pubblicato il 14 settembre 2010 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

56 Responses to “Il sesso, frontiera di libertà”

  1. ... la psicanalisi insegna .... :))

    RispondiElimina
  2. Se i successivi post saranno più esilaranti di questo sarà uno spasso! I fichi d'india si possono fare da parte

    RispondiElimina
  3. @CoB: questa vale la pena spiegarla bene, perché secondo me alcuni potrebbero non cogliere. Lo fai tu? :-)

    RispondiElimina
  4. il sesso porta via (forse) energia produttiva... il sesso, se assiduo, libero, spensierato e sano, ti porta a vadere la vita proprio così... sappiamo che è termometro della vita.
    Toglierlo o modificarlo rende le persone "meglio governabili" (se mi passi il termine da cospirazionismo di serie B)

    RispondiElimina
  5. Se non l'hai già fatto, mi sento di consigliarti di leggere qualcosa di Foucault (il filosofo, non il matematico) proprio riguardo il controllo delle pulsioni come strumento di gestione delle masse. Keyword: biopotere.

    RispondiElimina
  6. Spero che non si usi la parola "libertà" a sproposito, ad esempio dicendo che una donna che dispone del proprio corpo a piacimento (sto parlando delle prostitute che lo fanno per scelta) sia una libertà fondamentale e una cosa normalissima quando invece è sintomo di profondi problemi psicologici e di degrado sociale.

    RispondiElimina
  7. @Mattia: posto che non vedo come possa essere tu a sapere cosa rappresenta quello che fa "una donna" (chi sei, il giudice delle scelte altrui?), il post investe l'argomento sesso in modo un tantino "prima" di questo stadio di elaborazione.

    RispondiElimina
  8. No, non è un caso. Non per nulla Wilhelm Reich (Dobrzcynica, 24 marzo 1897 – Lewisburg, 3 novembre 1957) fu ucciso in carcere. :)

    RispondiElimina
  9. @emigrationfordummies
    interessante il discorso del biopotere (wikipedia mi anticipa informazioni interessanti).

    Stiamo facendo i conti con una "cultura occidentale" che ha costretto il sesso delle persone. Non vedo pertinente il tema della prostituzione o delle libertà/emancipazioni femminili.
    Qui siamo più "in ampio"

    RispondiElimina
  10. Sintomo di profondi problemi psicologici e di degrado sociale? Il fatto che una donna si prostituisca per scelta? Si parla di vera scelta, immagino, non delle schiave o di quelle spinte dal bisogno. Pia Covre, segretaria del Comitato per i diritti civili delle prostitute, lo definisce un orientamento sessuale. Lì per lì fui perplessa, ma pensandoci su non ha per niente torto. E chi siamo noi per giudicare l'orientamento sessuale altrui?

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Leggere qualcosa che si è sempre pensato è, come sempre, confortante ed, in ultima analisi, è il motivo per cui mi piace leggere: trovare un po' di "altri" in se stessi e sentirsi meno soli.

    RispondiElimina
  13. @THE INDEPENDENT: scusa, ma tira un'ariaccia. Ho dovuto togliere il tuo commento perché di quello che si dice qua dentro sono responsabile io, e se qualcuno deve querelarmi preferisco che lo faccia per quello che scrivo io, non per quello che scrive un altro. Scusami, ma non ho potuto fare altrimenti.

    RispondiElimina
  14. Va beh se proprio non ne hai potuto fare a meno..

    Ma almeno fallo tu un post politicamente corretto sul "soggettone" in questione perche' la notizia e' una bomba all'idrogeno...ci rendiamo conto.. quello LI... sarebbe l'ipocrita PORTAVOCE del PDL.

    Non me la prendo per la cancellazione, ma fai il post tu, come ritieni meglio. CIAO ;)

    RispondiElimina
  15. @ Metil
    Ci provo :-)

    "Bonobo power" è una canzone di Caparezza, il cui testo illustra le caratteristiche di queste scimmie. Da alcuni studi è emerso come la società dei bonobo sia basata sulla convivenza pacifica, che sarebbe ottenuta mediante l'uso del sesso come atto ricreativo e non solo riproduttivo. Il bello è che i bonobo non sono solo etero - smentendo quindi la cosiddetta "legge naturale".

    Scrivendo mi è venuto in mente un aforisma, non ricordo di chi: "Se i presidenti non lo fanno alle loro mogli lo fanno al paese" :D

    RispondiElimina
  16. Pia Covre è una prostituta, non una psicologa, è ovvio che se definisco una cosa come preferenza sessuale non se ne può discutere e tutto diventa un'opinione.

    Onestamente (forse è un mio limite) non riesco a trovare un motivo valido e "sano" che porti una donna a vendere il proprio corpo. Considero la cosa di uno squallore indicibile. La psicologia dice che una donna che fa sesso occasionale soffre di malesseri e pentimenti.

    RispondiElimina
  17. @CoB
    ...inoltre in natura ci sono specie di pesci in cui è previsto che individui cambino il loro sesso nel corso della vita per bilanciare e sostenere la riproduzione.
    Se non è naturale questo...!

    RispondiElimina
  18. Se è vero il Berlusca è uno dei più grandi rivoluzionari apparsi all'orizzonte dello Stivale!

    Interessante come prospettiva
    Andrea

    RispondiElimina
  19. @ mattia: io ho fatto parecchio sesso occasionale nella mia breve vita -senza prenderci un soldo- adesso ne faccio meno perchè un po' mi è venuto a noia senza persone che valgano la pena..
    non sono mai stata piena di malesseri nè ho sofferto di pentimenti (cioè, SO che una buona parte di maschietti che mi sono passati fra le mani non meritava tanta attenzione, ma secondo te rimango traumatizzata a vita per della gente mediocre????). ho una vita piena di amici, mi diverto a flirtare di tanto in tanto, le mie relazioni -quando trovo un uomo dotato di co*li*ni- sono di quelle da provocare invidia in chi osserva per l'amore e l'energia che sprigionano, sono piena di interessi, di voglia di fare, di partire, sempre allegra..
    per esperienza personale, i libri che avrai letto tu di psicologia si sbagliano o non sono troppo oggiornati :)

    RispondiElimina
  20. Per acidqueen:
    di certo non posso fidarmi solamente della (tua) parola.

    Conosco persone (che oltre a definirsi, sembrano) attivissime, piene di amici e sempre allegre ma che nascondono malesseri o che sono clienti abituali di psicologi, quindi non ci sono le basi per valutare. Figuriamoci poi se un caso singolo (da verificare) possa diventare un campione significativo :)

    RispondiElimina
  21. Basta rileggersi le pagine di 1984 di Orwell, dove si parla del sesso e della repressione , con le stesse motivazioni che citi nel post

    Aldo

    RispondiElimina
  22. Date troppa importanza al sesso, come sempre, come i preti....
    Ma scopare di più no eh??

    RispondiElimina
  23. @robylarm: può essere che sia come dici tu. Ma non temere, nei prossimi giorni lo verifichiamo insieme. Te compreso. :-)

    RispondiElimina
  24. Ma vi rendete conto delle cavolate che si scrivono qui: trascrivo testualmente dal post:

    "La mia sensazione è che irregimentare gli impulsi sessuali delle persone entro una dimensione prestabilita costituisca un formidabile strumento per comprimere le loro istanze di libertà; che il controllo del sesso sia la forma di oppressione degli individui più efficacemente utilizzata nel corso dei millenni".

    Rispondo con una domanda:

    Allora se si violentano la tua donna per strada una sera, la repressione da parte dell'autorità dell'impulso sessuale del violentatore è una oppressione della sua libertà ??...

    RispondiElimina
  25. @Anonimo 17:24:00

    Qui si parla di sesso presupponendo che sia consensuale e tra adulti, non di violenza. Cioè, della libertà delle persone di disporre del PROPRIO corpo e della PROPRIA libido.

    Se non cogli la differenza, che c'è ed è notevole, mi sa che la cavolata l'hai scritta tu.

    RispondiElimina
  26. @ incolto barbuto Mimesis: ma chi va a ficcare il naso nella camera da letto altrui, forse tu ?

    RispondiElimina
  27. consiglio la visione del documentario "Svezia inferno e paradiso"
    http://it.wikipedia.org/wiki/Svezia,_inferno_e_paradiso

    un film documentario degli anni 60 dal quale, secondo il mio modesto parere, traspaiono tutti i luoghi comuni e il bigottismo dell'Italia di allora.
    (spero che quella di oggi sia diversa almeno in questo...mi pare di si però...mi pare...)

    RispondiElimina
  28. @Anonimo 17:24:00
    Certo che qua non si tratta solo di non capire, ma anche di avere una fantasia fuori dal comune per capire sbagliato...

    RispondiElimina
  29. E poi "la tua donna"??? Ma che è te la sei comprata?
    Ma va va va!!!

    RispondiElimina
  30. DELLA SERIE .. " IO TARZAN.. TU JANE..."

    Una grande dialettica .. hmm .. secondo me potrebbe essere il nuovo motto del Partito dell'amMMMmore.

    RispondiElimina
  31. @anonimo 18.03
    -La chiesa che aizza all'odio nei confronti degli omosessuali.
    -Lo stato che le da retta e non tutela i diritti degli omosessuali.
    -Gente come Mattia [vedi commenti sopra]che si permette di dire che una donna che esercita il suo diritto di avere una vita sessuale libera da qualsivoglia costrizione imposta da una società maschilista ha dei problemi...

    Per altro,caro Mattia, vorrei chiederti qual'è la tua posizione riguardo la prostituzione maschile e/o i rapporti occasionali maschili [etero e/o omo] ma posso immaginare la tua risposta,dato che si evince da quel "la tua donna" che sei un ireecuperabile maschilista...^^

    RispondiElimina
  32. Illuminante. Ora guarderò quei lobotomizzati di leghisti sotto una luce diversa...

    RispondiElimina
  33. Parigi, 14 set. - (Adnkronos) - Con un voto sostanzialmente unanime il Senato francese ha approvato in via definitiva il divieto di portare il velo integrale islamico sul suolo francese. La legge, approvata con 246 voti favorevoli e 1 contrario, era già passata all'Assemblea nazionale il 13 luglio. Il provvedimento entrerà in vigore nella primavera 2011 dopo sei mesi di sforzi di mediazione culturale.


    Come già era successo all'Assemblea nazionale, al Senato alcuni esponenti dell'opposizione hanno preferito astenersi allontanandosi dall'aula al momento del voto. La nuova legge, preparata dal ministro della Giustizia Michele Alliot Marie, è stata fortemente voluta dal presidente Nicolas Sarkozy che definisce il velo integrale "contrario alla dignità della donna" e ai "valori della repubblica".


    Il provvedimento vieta d'indossare il burqa e il niqab, due diversi tipi di velo integrale, in tutti i luoghi pubblici, e impone ai trasgressori una multa di 150 euro alla quale potrà essere aggiunto, o sostituito, un corso di educazione civica. La sanzione sale a 30mila euro per gli uomini che obbligano le donne a indossare il velo integrale.

    LO SO ALESSANDRO PER TE SARA' UN DURO COLPO DA MANDAR GIU! MA COME VEDI ANCHE NELLA CIVILISSIMA E DEMOCRATICISSIMA FRANCIA PATRIA CULTURALE DEI VALORI UNIVERSALI DI LIBERTA', EGUAGLIANZA E FRATELLANZA LANCIATI IN TUTTA EUROPA DALLA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA E' STATO SANCITO IL SACROSANTO DIRITTO AL RISPETTO DELLA LIBERTA' DELLE DONNE E DEI LIMITI CHE OCCORRE NECESSARIAMENTE PORRE ALLA PREPOTENZA ED ALLA PREVARICAZIONE RETRIVA, INCIVILE E TARDOMEDIOEVALE DEGLI ISLAMICI.

    Allons enfants de la Patrie,
    Le jour de gloire est arrive !
    Contre nous de la tyrannie,
    L'etendard sanglant est leve !
    Entendez-vous dans les campagnes
    Mugir ces feroces soldats ?
    Ils viennent jusque dans nos bras
    Egorger nos fils et nos compagnes !

    Aux armes, citoyens !
    Formez vos bataillons !
    Marchons ! marchons !
    Qu'un sang impur
    Abreuve nos sillons !


    Que veut cette horde d'esclaves,
    De traitres, de rois conjures ?
    Pour qui ces ignobles entraves,
    Ces fers des longtemps prepares ?
    Francais, pour nous, ah! quel outrage !
    Quels transports il doit exciter !
    C'est nous qu'on ose mediter
    De rendre ? l'antique esclavage !

    RispondiElimina
  34. è una vita che lo vado predicando (e praticando) in giro...

    RispondiElimina
  35. La francia è sempre più avanti di tutti: prima con i rom ora con i burqa !! Quelli hanno capito tutto ! Vive la France !!!

    RispondiElimina
  36. Fuori i popoli negroidi dall' Europa!

    RispondiElimina
  37. E invece Huxley diceva che un miglior mezzo di controllo sociale era il sesso libero. Come la mettiamo?

    RispondiElimina
  38. anonimo di Huxley: meno libri e più pratica capiresti al volo la differenza
    si chiama metodo scientifico
    esercita la libertà di vivere la tua sessualità senza pregiudizi di sorta
    poi mi dirai

    RispondiElimina
  39. @ wildestwoman

    Se si comincia già a puntare il dito in giro tipo "io scopo e tu nn scopi sfigato!", nn credo l'iniziativa avrà molto successo!!!

    RispondiElimina
  40. Basta, io me ne vado a escort.

    islamocomunista

    RispondiElimina
  41. Purtroppo io, che non ho letto molti libri e neppure ho avuto modo di fare moltissimo sesso (non da solo, intendo), sono dell'idea che possa essere strumentale al controllo sia la negazione e sia la concessione in abbondanza di qualcosa (di cui, alla fine, non si riesce più a tollerarne l'assenza).
    Però, viste le mie premesse, potrei sbagliarmi.
    Lascio l'ultima parola a chi ha letto e copulato in quantità adeguatamente distribuita.

    RispondiElimina
  42. Piero T. kerios3@hotmail.it15 settembre 2010 08:53:00 CEST

    Bel casino , sollevato da questo post. Significativo.
    Io la vedo così, significa che abbiamo problemi a metterci in relazione... Personalmente posso dire che anche stare con una persona, magari solo offrendo un fazzoletto, un sorriso, per me molte volte è stato come fare "sesso"...si chiama empatia, credo, quello che tante volte ci manca... E che, a differenza di quanto dice qualcuno, si può ridere, facendo sesso fisico...perché si è felici insieme..

    RispondiElimina
  43. l'obiettivo è stare (e far stare) bene
    non neghiamoci tanta parte di energia vitale
    usiamola bene e parliamone con i toni giusti, che sono quelli dell'empatia, certo, del rispetto, assolutamente...e così via

    RispondiElimina
  44. Per Silvia:
    Io non ho scritto "la tua donna", ti confondi con anonimo :)

    La mia posizione sulla prostituzione maschile è diversa perché i maschi sono dal punto di vista evolutivo diversi dalle donne. Siccome per fare sesso bisogna essere in 2, perchè un uomo faccia del sesso occasionale, serve una donna che faccia del sesso occasionale, e quindi, pensando alla donna, si fa presto a capire cosa ne penso della prostituzione maschile. :)

    RispondiElimina
  45. Beh, per uno che ammette di sedersi dalla parte del torto, non e' male come post. Paragonare l'uomo al bonobo o all'orata e' come farsi le pugnette in un bordello: c'e' di meglio da fare. Per quanto riguarda il tema, concordo con Marcoz a proposito del controllo per abbondanza o per scarsita'. Tra parentesi, non mi pare che in Italia ci siano leggi che vietino di fare sesso con chiunque consenziente e di maggiore eta'. Il discorso, poi, lo si potrebbe girare anche a quelli che scattano sull'attenti con la chiesa a proposito di immigrati ma ne ridicolizzano le posizioni sul sesso.

    http://giovannifrancescosagredo.wordpress.com/2010/07/16/curiosita/

    RispondiElimina
  46. attendiamo tutti con ansia. magari, prima di riparlarne, dai una scorsa veloce a Reich (La funzione dell'orgasmo) e Marcuse (Eros e civiltà), solo per evitare di ripetere banalità già dette. Buona lettura

    RispondiElimina
  47. Consiglio l'illuminante lettura di Fabrice Hadjadj "Mistica della carne" ed. Medusa che forse aiuta ad avere un parere di confronto. Buona lettura.

    RispondiElimina
  48. Negli ultimi 12 anni ho avuto solo sesso "occasionale". L'unico rimpianto è che sia stato troppo poco!
    Le donne - è vero - vivono diversamente dall'uomo la propria sessualità, ma non è detto che, se non trovi l'amor romantico, ti debba per forza limitare alla castità coatta o aspettarti per forza che il tuo partner debba provare per te qualcosa di diverso dall'attrazione fisica e dal rispetto. Questo atteggiamento spesso deriva molto di piùdalle costrizioni psicologiche che ti fanno sentire una put*ana se ti diverti con uno che semplicemente ti piace o che ti fanno sentire per forza in colpa, fallita e disperata se un matrimonio finisce o se abortisci.
    Le osservazioni di certi psichiatri/psicologi etc. sono legate ai tempi ed alla situazione storica: Freud trovava maree di donne isteriche e si inventava l'orgasmo vaginale e l'invidia del pene. Per non parlare del complesso di Edipo, sicuramente molto più difficile da capire oggi, con padri passano nottate ad allattare al biberon o a cambiare i pannolini! Oggi come oggi, non troverebbe più la stessa distribuzione di profili clinici e probabilmente riderebbe lui stesso di alcune pensate che fece. Peccato che qualcuno rimanga ancora attaccato agli stereotipi confondendo causa e conseguenza.

    Silvia

    RispondiElimina
  49. L'Anonimo prima di Antonio siamo noi

    RispondiElimina
  50. @topgonzo: ma cosa credi che debba essere un blog, uno sfoggio di cultura o un posto in cui uno scrive quello che pensa? Se troverai banale o già detto quello che scrivo, sarà sufficiente non leggerlo...

    RispondiElimina
  51. @ Mattia
    chiedo perdono per l'equivoco,ho fatto confusione ma tanto ma non è che gli altri tuoi commenti trasudino di rispetto per le donne [che,ti ricordo,non sono "evolutivamente differenti" in quanto sono anche loro "homo sapiens sapiens" e Lombroso e le sue idee sulla differenza femminile, per fortuna,sono crepati da un pezzo]...

    Vorrei inoltre portare alla tua attenzione il fatto che, se un uomo si prostituisce, l'utilizzatore finale è spesso un altro uomo e difficilmente una donna [per mille condizionamenti sociali e psicologici che non sto qui a elencarti...].
    che poi perchè la tua valutazione di motralità della prostituzione varia se chi si vende è uomo o donna?

    RispondiElimina
  52. Per Silvia: Beh, se per te una donna ha gli stessi scopi e reazioni di un uomo, in natura, non sto neanche a discutere :)

    Essere homo sapiens sapiens non significa nulla.

    La mia valutazione varia perchè uomo =/= donna

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post