Massì, bruciamolo

A quanto pare i lettori del Quotidiano Nazionale sono d'accordo con l'iniziativa del pastore americano Terry Jones, che tanto per calmare gli animi ha deciso di bruciare 200 copie del Corano durante una commemorazione pubblica.
Andiamo bene. Proprio bene.
---
Grazie a Adriana per la segnalazione.

Questo post è stato pubblicato il 09 settembre 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

19 Responses to “Massì, bruciamolo”

  1. Si... me lo ricordo quel libro di cui parli... si chiamava Farenheit 451

    RispondiElimina
  2. Il meccanismo del sondaggio è sbagliato, ogni persone può votare la stessa opzione praticamente all'infinito. Direi che sono più attendibili i sondaggi sull'indice di popolarità di berlusconi.

    RispondiElimina
  3. L'unico modo per "smorzare" l'effetto di una simile iniziativa, sarebbe che qualcuno ricordasse che quello che si chiama "corano" non e` il supporto cartaceo, ma il testo contenuto. Idem per la Bibbia. Il papa potrebbe mettersi sul balcone di san pietro a fare un falo` di bibbie, e poi spiegare che e` solo carta, e le idee che c'erano dentro rimangono intoccate e intoccabili da una azione cosi` frivola. Il problema e` che non ci credono nemmeno loro, e quindi partono con le condanne del "grave atto" eccetera.

    Per inciso, idem con patate per i "villipendi alla bandiera" e in generale tutti i villipendi ad oggetti facilmente rimpiazzabili (casomai non si fosse capito, non credo nell'identificazione tra i "simboli" e cio` che simboleggiano).

    RispondiElimina
  4. Vorrei bruciare una Bibbia CEI in Piazza san Pietro. Ma non lo faccio perché rispetto i cristiani.

    RispondiElimina
  5. Fa COSI' freddo da quelle parti? :\

    RispondiElimina
  6. io quasi quasi brucerei lui, un bischero di meno al mondo....

    RispondiElimina
  7. Se si va a vedere ora le altre due voci superano la prima

    RispondiElimina
  8. E' un coglione in effetti, e che il 53% dei letto di QN sia d'accordo con lui è preoccupante. Però non si può dire che i lettori di QN siano d'accordo con lui, quasi la metà non lo è o afferma che è pazzo...
    Francesco

    RispondiElimina
  9. Se proprio si deve fare un bel falò corani,bibbie,torah,mahabharati, e scemenze varie no,eh?

    RispondiElimina
  10. il sondaggio non mi meraviglia, le derive nazistoidi di certi blogger con nome e cognome sono purtroppo ben note, figuriamoci in un sondaggio anonimo sul WEB

    ho notato, sentendo la notizia al TG ieri, una preoccupante somiglianza - credo poco casuale - tra il tizio in questione ed un certo Bin Laden (nello stile del video).

    RispondiElimina
  11. ... per non parlare delle derive nazistoidi di chi oggi copre ruoli istituzionali. Dalle nostre parti un coglione che si fa un giro con un maiale al guinzaglio dove deve sorgere una moschea rischia persino di diventare ministro!

    RispondiElimina
  12. mi ricordo di un periodo storico in cui uomini bruciavano libri...

    RispondiElimina
  13. A me pare peggio che ci si debba preoccupare che uno scemo bruci un libro (azione che è pur sempre un modo di esprimersi, come bruciare una bandiera, per es.) perché gente che vive ancora nel medioevo s'incazza per questo. Per me il problema restano gli integralisti (islamici, cattolici o chinuque sia), non lo scemo.

    Concordo in pieno con L'Esorciccio.

    RispondiElimina
  14. L'uomo in questione è un cretino, tuttavia in un mondo democratico, liberale, si dovrebbe essere liberi di prendere in giro chicchessia senza timore di ripercussioni, condanno il gesto ma secondo me rimane più grave il fatto che un gesto stupito così provochi violenza.

    Insomma se uno deve autocensurarsi, in fondo è solo un simbolo, nulla vieta che un qualsiasi americano si compri il corano e gli dia fuoco nel suo bel giardinetto, e nessuno lo verrebbe a sapere.

    Questo mi fa ancora di più rabbrividire della arretratezza della religione islamica, non che il cattolicesimo sia poi tanto più avanti, anzi si vedono all'orizzonte rigurgiti clerico-medievali, nel senso brutto del termine.

    RispondiElimina
  15. insomma se qualcuno avesse bruciato una bibbia non ci sarebbe stato tutto questo allarme, invece nessuno osa bruciare il corano, questo dovrebbe far riflettere un poco.

    Non deve esistere una religione intoccabile! questo é sinonimo di debolezza, se cominciamo ad avere paura delle ripercussione, spropositate e ingiustificate nonchè violente del mondo islamico allora questo è un problema.

    Non siamo noi a doverci limitare, sono loro a dover tollerare.

    Ora il gesto di bruciare il libro è tanto estremo quanto idiota, ma mai delle vignette sul papa hanno suscitato quelcosa di simile alle vignette su maometto, forse sarebbe successo nel medioevo.

    Per inciso se non si era capito sono antireligioso abbestia.

    RispondiElimina
  16. aggiungo:

    E' un po come dire: a quello non gli offendere la mamma sennò si incazza, (o ti ammazza?). Non si deve legittimare alcuna reprensione violenta, nessuna offesa di alcun tipo può giustificare la violenza, non so se ho reso l'idea.

    Una persona normale, o ti manda affanculo, o ti ignora, o ti denuncia.

    RispondiElimina
  17. Oggi su repubblica Zucconi scriveva che l'America era in ostaggio di questo signore. Io questo signore lo disprezzo sia per le idee che manifesta sia per il gesto che vuole compiere, ma la minaccia è degli integralisti islamici, non viene da un gesto come bruciare il corano. L'America è in ostaggio degli integralisti, e non di questo signore, se ha da temere un gesto simile. E da liberale vorrei che le due cose fossero separate: da una parte il giudizio sul gesto, e la giusta dose di disprezzo da appuntare su questo signore; d'altra parte la legittimità del gesto, che è indiscutibile.
    Niccolò D.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post