Il questionario del PD

Domenica scorsa l'amico Civati mi raccontava al telefono che stava girando via email un questionario del PD nazionale (di cui poi hanno parlato anche i quotidiani) pieno zeppo di domande rivolte agli iscritti del partito; sul discorso di Bersani a Torino, perché il segretario vuole verificare se quello che dice è gradito (e già questo ha dell'incredibile), ma anche sulle affermazioni di Renzi a proposito della "rottamazione": siete d'accordo con il sindaco di Firenze? Il rinnovo deve essere parziale o deve essere da subito?
Ebbene, converrete che per un partito aprire una consultazione "privata" sulle affermazioni di uno dei suoi esponenti, anziché discuterle in un dibattito pubblico, è decisamente singolare: specie se quel partito si dice "democratico" e se il promotore del sondaggio è lo stesso che chiede "lealtà" agli altri.
Ragion per cui, nell'invitare Bersani a spiegare perché, a suo modo di vedere, la "lealtà" dovrebbe funzionare a senso unico invece che essere reciproca, ci permettiamo di suggerirgli una decina di domande da aggiungere al questionario, magari per la prossima volta: personalmente ho la sensazione che sarebbero più serie.

Quale pensi sia il vino migliore per apparire di sinistra e snob, ma non troppo?
1. Bardolino
2. Barbera
3. Morellino di Scansano

Secondo te come dovrebbe porsi un dirigente del Pd rispetto alla depilazione maschile?
1. Approvarla senza riserve
2. Approvarla, ma solo sul torace
3. Disapprovarla con decisione

Quale ritieni sia il modulo migliore per vincere le elezioni?
1. Il 4-3-3 con pressing e fuori gioco
2. Il 4-5-1 con cerniera difensiva
3. Il 3-5-2 con trequartista

Quale posizione per il sesso pensi sia più opportuna per un democratico?
1. La "missionaria" socialdemocratica
2. La "cavalcata" progressista
3. La "pecorina" libertaria

Le extension sono gradite a sinistra o possono creare problemi di direzione politica?
1. Graditissime, ogni donna iscritta al PD dovrebbe averle
2. Così così, andrebbero usate con moderazione
3. No, le vere democratiche devono essere naturali

L'iPhone è veltroniano, il Blackberry dalemiano: tu quale preferisci?
1. iPhone, io penso maggioritario
2. Blackberry, è migliore per l'ambaradan
3. Né l'uno né l'altro, me ne fotto e uso Android

Come vuoi la tua amica compagna democratica?
1. Sexy e perversa
2. Dolce e comprensiva
3. Razionale e programmatrice

Come preferiresti il tuo leader (a casa e in società)?
1. Muscoloso e rude
2. Mingherlino e intellettuale
3. Pancetta e pantofole

Se sui manifesti il nostro segretario indossa un vestito marrone dovrebbe abbinarlo con:
1. Una cravatta verde
2. Un papillon panna
3. Una camicia aperta con pelo che spunta

Cosa organizza il vero democratico dopo una cresima?
1. Un rinfresco minimal
2. Un pranzo dal bujaccaro
3. Una cena nouvelle cuisine

Un democratico doc è favorevole o contrario agli spazzolini da denti elettrici?
1. Favorevole, bisogna fare pulizia
2. Dipende da cosa ha mangiato
3. Contrario: rimboccarsi le maniche, e spazzolare a mano.

Questo post è stato pubblicato il 21 settembre 2010 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

21 Responses to “Il questionario del PD”

  1. Sarebbe quindi molto meglio la perla civatiana: "Se si vuole aprire un dibattito, se ne discuta"?

    RispondiElimina
  2. Ma come? Tra le scelte dei vini mi sembra di intravedere una grave lacuna...il negramaro o il primitivo ci devono essere obbligatoriamente!!! Un vero democratico non può chiudersi gli occhi dinanzi all'ascesa del nuovo trend modaiolo pugliese...
    Alina

    RispondiElimina
  3. E' questo il nuovo modo di fare politica? buttandola sullo scherzo? bene, bene!
    La verità è che alla nostra 'new generation' non gli va bene nulla...... si rodono perchè non riescono a rottamare e allora si accontentano di buttare tutto sullo scherzo!

    RispondiElimina
  4. io non ci vedo niente di male nel fare un sondaggio inviandolo a più di 140.000 iscritti. Voglio dire che dibattito politico ci può essere con 140000 persone, primarie non se ne vedono all'orizzonte. Mi sembra il modo migliore per tastare il polso al partito.
    Metil, tu ti lamenti che non hanno vergogna, che sono pessimi che dovrebbero mettersi da parte e cambiare raicalmente.
    E quando loro provano a mettersi in discussione a cercare di capire se hanno ancora il supporto della base del partito tu dici che dovrebbero discutere tra loro... finendo a dirsi quanto sono belli bravi moderati e ancora al passo coi tempi. Non ti capisco

    RispondiElimina
  5. Scusa, ma qui si esagera.

    Perché la consultazione sarebbe privata, dato che ne hanno parlato tutti e lo hanno ricevuto gli iscritti e ne hanno addirittura parlato i giornali? Come avrebbe dovuto essere una consultazione pubblica? Forse Bersani avrebbe prima dovuto convocare una riunione per decidere collegialmente che domande mettere nel questionario? E poi, al questionario si può anche non rispondere, oppure mandarlo in culo. Dov'è il problema? Oppure ha davvero ragione chi ci critica quando dice che non ci va mai bene niente? Rilassatevi un attimino, ragazzi.

    RispondiElimina
  6. In ogni caso Civati ha già risposto a Zucconi. Perché la perla (forse con la i di pirla) è di Zucconi, non di Civati.

    http://civati.splinder.com/post/23336050

    Giovanna

    RispondiElimina
  7. Scusate, ma qui si esclude categoricamente che l' "Eletto" possa essere una donna... E la domanda "Come vuoi la tua amica compagna democratica?" sottintende l'esclusione delle donne come elettrici o fruitrici del test... Non me l'aspettavo da questo blog...
    Cristina

    RispondiElimina
  8. Direi che la difesa di Civati, che pure è bravo, è un po' deboluccia. Zucconi infatti lo criticava nello spirito, non solo nella forma, di per sé esilarante. Di sicuro le critiche sono il mitico sale della democrazia, ma in questo caso sono davvero esasperate e il "facciamoci del male" è sempre dietro l'angolo! In realtà, al di fuori del Pd (e forse pure dentro), a nessuno interessa davvero sapere cosa pensano Civati, Bersani o Veltroni, nessuno si interessa a un dibattito stantio sullo Statuto, magari in questo momento storico piacerebbe di più agli elettori se il Pd unito dicesse qualcosa di forte e deciso, invece che discutere sulle discussioni e sui questionari. E magari le discussioni da rendere pubbliche dovrebbero essere altre, non le critiche al questionario di Bersani, che - wow - non sono molto emozionanti. Però fanno scrivere post brillanti per farci sentire più intelligenti.

    RispondiElimina
  9. Ammetterai che il questionario sia uno dei pochi modi per comunicare con un'ampia fetta del proprio elettorato. Cosa dovrebbe fare Bersani, convocare un'assemblea condominiale di 9 mln di persone? Vabè che ormai li votano sempre in meno, ma non esageriamo:)

    Dario

    RispondiElimina
  10. Ho un'obiezione sul bouquet di risposte al primo quesito. La vera sinistra atticista sorseggia Grignolino (e magari pensando che possa venire dalla Toscana), anche se il povero Bersani mi pare molto meno atterrazzato di altri suoi colleghi di partito.

    http://www.1x100.net/blogzine/wp-content/uploads/2008/05/ATTICISTI1.jpg

    RispondiElimina
  11. Grande! Il sondaggio fa cadere le braccia. Va benissimo che vogliano capire cosa pensiamo, ma non ci sarebbe bisogno di alcun sondaggio se uscissero dagli uffici e tornassero a stare tra la gente. Riprenderebbero il contatto con la realtà. Invece anche stavolta hanno bisogno di numeri, come se non bastassero i sondaggi che ci danno costantemente fermi anche quando il PDL è ai minimi storici.
    Beatrice

    RispondiElimina
  12. Cosa c'è di male nel cercare un riscontro dagli iscritti? Trovo in effetti più ridicolo e poco sensato il discorso del dibattito (con o senza le sedi opportune a mio avviso non fa una gran differenza).

    In un momento così è quantomeno bizzarro stare lì a spaccare il capello in quattro e non cercare di approfittare delle difficoltà dell'avversario.

    RispondiElimina
  13. L'ultima riga mi ha fatto ridere a gran voce, si sono girati tutti ;-) complimenti, la prossima volta sali sul palco dopo Labanca, hai un futuro ;-)

    RispondiElimina
  14. Civati esprime perplessita': 'Ci vuole un dibattito, non un questionario'.

    ...e certo, siccome nel PD di chiacchiere se ne fanno poche, ben venga il trecentomillemillesimo dibattito.

    RispondiElimina
  15. Ma non si può regalare la pecorina alla destra. Ragazzi, ma che siam matti???

    RispondiElimina
  16. Penso che in quanto al vino manchi il Gewürztraminer aromatico: è un vino del trentino quindi strizziamo l'occhio alla lega, in più magari, essendo nata la margherita a Trento, magari fioroni & c si commuovono e la semttono di fare casino.

    RispondiElimina
  17. il questionario potrebbe essere la porta d'entrata al dibattito.

    RispondiElimina
  18. http://www.repubblica.it/economia/2010/09/22/news/profumo_pd-7301264/ <-- io proporrei una roba tipo Miss Italia

    RispondiElimina
  19. Certo che a proposito di rendersi ridicoli, uno che ha il "CivaTube", il "CivaFlickr", la "CivaMusic" forse dovrebbe pensarci un attimo prima di parlare.

    RispondiElimina
  20. non capisco cosa ci sia di ridicolo ... ci sono nomi e nick assurdi sia in youtube e in Flikr ... mi sembra Anonimo che tu voglia trovare qualcosa a tutti i costi per sfogare una certa frustrazione, dovuta chissà a cosa ...
    per capirlo piuttosto che una terapia ti invierei un questionario ...
    così il bromuro è più libero e assistito

    al.

    RispondiElimina
  21. Caro anonimo io non ho nessuna frustrazione, potresti forse averla tu.

    Dico solo che è da stupidi porre sempre in dubbio quello che fa il segretario, anche quando non ci sarebbe uno straccio di motivo valido per farlo, come in questo caso.

    Il risultato è che Berlusconi perde consenso e noi anche. Se vuoi semplifico ulteriormente: finiamola di darci le martellate sulle palle.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post