Teresa

L'Iran, che è notoriamente un regime illiberale e liberticida, manda a morte Sakineh, e succede che il mondo (per fortuna) si indigna, si incazza, si mobilita, finché Ahmadinejad non è costretto a balbettare qualche fregnaccia per evitare di fare una figura di merda planetaria più clamorosa di quella che ha già fatto.
Lo stato della Virginia, che forma notoriamente parte integrante di una grande democrazia occidentale, manda a morte una disabile psichica, e succede che nessuno dice un cazzo.
Sbaglio, o date le premesse c'è qualcosa che non va?

Questo post è stato pubblicato il 23 settembre 2010 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

33 Responses to “Teresa”

  1. Mi ci sono arrovellato un pezzo...poi mi sono detto :" Impossibile commentare ".
    Non sono ( per fortuna ) un giudice, ma sono due casi speculari, ed il colmo è che non frega un beato niente a nessuno di Sakineh, o di Teresa...Due PERSONE !
    Interessa solo se si parla del Grande Satana o dell' altro.
    Sai che a volte mi vergogno di essere terrestre?

    RispondiElimina
  2. L'indignazione e la mobilitazione sono direttamente proporzionali alla distanza geografica e culturale. È molto facile indignarsi per la violazione dei diritti umani in un paese cattivo come l'Iran.

    RispondiElimina
  3. 1) Non sono gli Stati Uniti ma è lo stato della Virginia. Per costituzione gli Stati Uniti non possono dire nulla (seconda volta che te lo faccio presente).
    2) Accuse e regolarità del processo: duplice omicidio e la "common law" da una parte, adulterio e teocrazia dall'altra. Ci vuole un bel coraggio per fare un paragone...

    RispondiElimina
  4. @Grendel:
    1) con tutto il rispetto, la precisazione mi pare capziosa. Lo stato della Virginia fa parte o nodi quella che si (auto)proclama la più grande e libera democrazia del pianeta?
    2) sei troppo intelligente per non capire che ciò che metto in luce non è il paragone in sé e per sé, ma in proporzione ai rispettivi assunti di partenza; allora te la dico dritta: personalmente trovo più grave che in un paese democratico e libero, nel quale teoricamente alligna la civiltà, si condanni a morte un colpevole (a maggior ragione se è pure un disabile psichico, ma ai fini del mio punto di vista non sarebbe neppure necessario), piuttosto che in un regime notoriamente feroce e illiberale si mandi al patibolo un innocente.
    E' un'opinione, naturalmente: quello che ci tengo a farti presente è che con il post non voglio dimostrare chissà cosa, ma intendo semplicemente esprimerla.
    :-)

    RispondiElimina
  5. 1) Non è capziosa. Mi dispiace ma è questo quello che dice la Costituzione USA. Il governo federale non può e non deve interferire nei poteri delegati ai singoli stati.
    Sapere questa cosa può anche tornare utile in caso di petizioni e campagne, in modo da non sbagliare "mira" e vedere le n-migliaia di firme raccolte finire nel cestino perchè il destinatario non è - de facto e de jure - competente. Fallo presente agli amici "Nessuno tocchi Caino".

    RispondiElimina
  6. 2) Ti sei mai chiesto perchè in alcuni stati USA vige ancora la pena di morte?

    RispondiElimina
  7. 1) Ok, Grendel, facciamo che riformulo la frase così:
    La Virginia, che forma notoriamente parte integrante di una grande democrazia occidentale, manda a morte una disabile psichica, e succede che nessuno dice un cazzo.
    Che tu sia d'accordo o no, questo cambia la sostanza di quello che volevo dire?
    2)Me lo sono chiesto, e le risposte potrebbero essere tante. Ma la prima, in ordine logico più che politico, è quella che riguarda la constatazione del fatto in sé: la pena di morte c'è, e questa è una certezza. Non mi piace il fatto che si abbia la tendenza a valutare la qualità dello stato di diritto e della civiltà in tutti i paesi del mondo utilizzando certe variabili come parametri, ma poi, quando si tratta degli stati uniti, quei parametri non debbano costituire una prova, ma elementi sui quali ulteriormente interrogarsi.
    La pena di morte c'è, in alcuni stati, e laddove c'è io lo considero un segnale di minore civiltà rispetto a dove non c'è.
    Dopodiché, apriamo pure un dibattito sul perché: ma avendo il coraggio di partire da questo incontrovertibile dato di fatto.

    RispondiElimina
  8. Sono contro la pena di morte, IN OGNI CASO

    RispondiElimina
  9. "Non sono gli Stati Uniti ma è lo stato della Virginia. Per costituzione gli Stati Uniti non possono dire nulla"

    In realtà questa è quasi un'aggravante, per gli USA.

    RispondiElimina
  10. Ma perchè gli stati uniti non sono forse una teocrazia?!?

    RispondiElimina
  11. Secondo me il film che meglio rappresenta la pena di morte e Dead Man Walking, di e con Sean Penn.

    Anonimo

    RispondiElimina
  12. E' oltre ogni commento che sia possibile la pena di morte in uno stato che si proclama civile.
    Pena di morte e civiltà sono in antitesi.

    RispondiElimina
  13. se non vogliamo sollevare temi etici (perché troppo impegnativi) interroghiamoci almeno sull'efficacia della pena di morte. E' funzionale? laddove vige si ha una significativa riduzione della criminalità? Tutto dice il contrario ma naturalmente si tratta di rapporti scritti da irriducibili pacifisti, noti per la loro indole irriguardosa!

    RispondiElimina
  14. La differenza sostanziale è che i mass media si interessano diversamente delle questioni. Ce lo vedi un La Repubblia o un Corriere alzare un casino in favore di questa disgraziata? No. E' un po come per Sandra e Raimondo. E' morto prima Raimondo, quindi a lui dedicati per giorni articoli e programmi TV. Ora è morta Sandra, che non mi sembrava la spalla di Raimondo, ma una fantastica comprimaria, però purtroppo non si può dedicarle lo stesso spazio perché il lettore se no si annoia.

    Anche per queste cose quello che conta è il marketing, purtroppo.

    RispondiElimina
  15. Grendel,sto ancora aspettando di vedere i corpi bruciati delle presunte vittime delle Torri Gemelle......

    Filoamericano, si vede lontano un miglio. Con queste premesse ti metti fuorigioco da solo.

    RispondiElimina
  16. l'altroieri leggevo questo intervento:
    http://latrazzera.blogspot.com/2010/09/lo-scandalo-sakinehla-verita-e-unaltra.html
    Ora sono contro la pena di morte in ogni caso ma mi chiedo quante delle persone che ora si battono per Sakineh pensando "che stronzi 'sti iraniani" farebbero la stessa cosa se sapessero che è un'omicida [o presunta tale]...

    RispondiElimina
  17. Giacinto, Tu ti metti fuorigioco, credendo alle leggende metropolitane, si vedono benissimo nei filmati i corpi di quelli che cercano di fuggire alle fiamme saltando dalle finestre. Al qaeda ha anche rivendicato le stragi.

    RispondiElimina
  18. Rainbow,attendo con ansia anche i resti dell'aereo ceh si sarebbe presumibilmente schiantato sul Pentagono. Di oltre 200 videocamere dei vari esercizi commerciali della zona nessuno e' visionabile perche' sequestrati dalla CIA. Al Queida non rivendico' nulla, ivi compreso Bin LAden. COnosci molto poco gli avvenimenti, leggiti meno blog alla Attivissimo che ti farebe meglio.

    PS: Le presunte vittime delle Torri Gemelle dovrebbero essere sui 6mila. Tu li hai visti seimila corpi? Io no. Le Torri sono cadute in sequenza a mo' di detonazione controllata e non certo per collasso.

    PS2: Peccato che Bin Laden era in affari con Bush anni addietro con la compagnia Arbusto Petroleum,sede a Dallas. Sei ancora fra i pochi che credono alle balle inventate per nascondere l'auto attentato per poi giustificare attacchi ai paesi mediorientali. Sei il migliore alleato del terrorismo americano.

    RispondiElimina
  19. TU sei ancora tra i pochi che credono alla leggenda meytropolitana dell'auto-attentato. io non le ho viste (non abito a New York) ma i pompieri sì, quelle che non sono state carbopnizzate completamrente, o utile idiotta xddel terrorismo imperiaqlista islamico, zomnbe di ahmerdinejad

    RispondiElimina
  20. HO VISTO un VIDEO DI BIN LADEN DOVE SI VANTAVA DELLE TORRI GEMELLE

    RispondiElimina
  21. http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273365

    Se credi al complotto di Bush sull'11 settembre, pioi credere anche a Babbo Natale

    RispondiElimina
  22. Io ho firmato perchè quella disgraziata non fosse mandata a morte: la pena di morte è un anacronismo. Educare, non punire.

    RispondiElimina
  23. Ho visto un aereo schiantarsi sulle torri gemelle ma guardacaso senza finestrino. Mi sono perso qualcosa o non c'erano passeggeri?

    Il CIcap diventa la parodia di se stessa quando tenta di verificare gli accadimenti sociali al solo scopo esclusivo di falsificare certe tesi scomode. COn la sola conseguenza di risultare goffo e ben lontano dal falsificazionismo di Karl Popper, il quale, vedendo tale gruppo in azione,probabilmente si rivolterebbe nella tomba.

    Se credi che al Queida sia l'organizzazione criminale degli islamici sei un lobotomizzato. Sfigato. Of course.

    RispondiElimina
  24. Ritornando invece dentro il tema:

    Il Texas ha la pena di morte e, assieme ad esso, la piu' alta percentuale di omicidio assieme a Mississipi e New Jersey. Mi sono perso qualcosa o evidentemente avere la pena di morte non e' un deterente?

    Rainbow: si vede lontano un miglio della tua risposta frettolosa da incazzato. Quando non si sa come rispondere si cerca di provocare con epipeti e insulti di bassa lega.

    RispondiElimina
  25. 1) La Virginia è parte - non eccessivamente integrante e, considera che "anche" su questo punto è scoppiata una guerra civile sanguinosissima - di una repubblica federale.
    La sostanza cambia perchè il tuo accusato non è il colpevole.
    Sul fatto che la Virginia sia piena di rednecks teste-di-cazzo, per giunta revanscisti confederati, non ci piove.
    2) Contrariamente a quanto siamo abituati (purtroppo) noi europei, che abbiamo stati semi divinizzati ed elefantiaci, che non fanno altro che legiferare su cosa sia "bene" o "male" per noi poveri sudditi dementi, negli USA, sin dalla fondazione, è stato il contrario. Anzi la fondazione degli USA avviene su quello che è il principio liberale dello stato come "attrezzo" ad uso e consumo del cittadino.
    Perchè in Virginia c'è la pena di morte? Semplicemente perchè presentarsi alle elezioni di Governatore con una piattaforma abolizionista è sicuro viatico per la disoccupazione.
    Non è colpa di uno stato come lo concepiamo noi, nemmeno di una qualsiasi organizzazione burocratica. Non è nemmeno il Grande Complotto DemoPlutoGiudaico.
    Sono i cittadini della Virginia, che vanno a votare per il loro governatore. E se un candidato vuole abolire la pena di morte, non lo votano.
    E' un segnale di minore civiltà? Indubbiamente. Da liberale lockeiano mi fa orrore una qualsiasi organizzazione che si arroga il diritto di toglierti la vita, volontà popolare o no.
    Ma è proprio dalla volontà popolare che bisogna partire, nel caso specifico. E dalla volontà popolare di quegli stati che ancora hanno la pena di morte.
    Prendersel con gli USA semplicemente non serve. Ripeto: è l'accusato sbagliato.

    Anonimo: aggravante? Leggiti un po' la Costituzione USA, da bravo.
    Giacinto: non ti rispondo nemmeno, ti sei qualificato da solo.

    RispondiElimina
  26. @Grendel: ci siamo chiariti, ma posso farti un appunto? L'accusato del mio post, se lo leggi bene, non sono gli USA, né la Virginia, né la volontà popolare: sono tutti quelli che si scandalizzano e si indignano quando una cosa del genere (più grave, per la verità, anche se quando si parla di ammazzare una persona è difficile fare graduatorie di gravità) succede in Iran, e poi se ne strafottono (ti risulta che si sia mobilitato il mondo per salvare questa disabile, ancorché assassina?) quando accade in un paese (o stato, fai tu) occidentale e "civile".
    Spero che la precisazione aiuti ad arrivare a un punto comune.

    RispondiElimina
  27. Scusami giacinto, ma non cui posso far nioente se i testoni come te mi fanno incazzare.
    Leggi anche qui (se sai l'inglese)
    http://www.debunking911.com/
    Quanto alla pena di morte, sarò sempre contro. ma in certi Stati USA ci si illude che serva da deterrente...

    RispondiElimina
  28. grendel non ho bisogno delle tue risposte. Io mi qualifico per le conoscenze scientifiche che detengo,tu ti qualifichi per il filo americano che e' in te, sfigato assieme a rainbow.

    RispondiElimina
  29. è l'unica cosa saggia che ha detto Ahmadinejad da quando è al potere.

    RispondiElimina
  30. (cit. Rainbow) :HO VISTO un VIDEO DI BIN LADEN DOVE SI VANTAVA DELLE TORRI GEMELLE


    Figurati, io ne ho uno del Falaschi che dice di aver preso un grongo di mezzo chilo.

    RispondiElimina
  31. Scusami Giacnto, hai ragione. Ormai non è più possibile mantenere il segreto...
    Le torri gemelle sono state abbattute come risultato di un compltto che comprende la CIA, il Mossad, il Grande Vecchi, la Massoneria, l'Impero Klingon e i Borg.

    Questo è il bello dei complttisti, tu parli di cose serie e arrivano loro a fare il loro cabaret. Sorvoliamo sul fatto che poi alcuni di loro si gonfiano le tasche di diritti cinematografici, cachet per apparizioni televisive, interviste, royalties per libri, DVD...
    Vendere fumo e fare badilate di quattrini, that's capitalism, baby!!!

    RispondiElimina
  32. Lettera aperta a Ahmadinejad.

    Caro Ahma, nessuno contesta il vostro verdeto di condanna a morte per Sakineh, contestiamo solo il metodo con cui questa viene eseguita. Converrai che le sassate siano un metodo vechio e superato. Prendi esempio dagli Usa, una puntura e via: poco clamore e nessuno che abbia qualcosa da ridire, è così semplice.

    P.S.: avevi paura che all'ONU avessero finito la carta igienica che ti sei portato il corano e la bibbia? E che c'avevi la sciolta, fijo mio!!!!

    Tuo Datura.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post