Avanti il prossimo (21)

Non aggiungo commenti all'ennesimo suicidio nelle carceri di questo paese indecente: ormai la lista parla da sola.

  1. Pierpaolo Ciullo, 39 anni - 2 gennaio - carcere di Altamura, asfissia con gas;
  2. Celeste Frau, 62 anni - 4 gennaio - carcere Buoncammino di Cagliari, impiccagione;
  3. Antonio Tammaro, 28 anni - 7 gennaio - carcere di Sulmona, impiccagione;
  4. Giacomo Attolini, 49 anni - 8 gennaio - carcere di Verona, impiccagione;
  5. Abellativ Sirage Eddine, 27 anni - 14 gennaio - carcere di Massa, impiccagione;
  6. Mohamed El Aboubj, 25 anni - 16 gennaio - carcere S. Vittore di Milano, asfissia con gas;
  7. Ivano Volpi, 29 anni - 20 gennaio - carcere di Spoleto, impiccagione;
  8. Cittadino tunisino, 27 anni - 22 febbraio - carcere di Brescia, impiccagione;
  9. Vincenzo Balsamo, 40 anni - 23 febbraio - carcere di Fermo, impiccagione;
  10. Walid Aloui, 27 anni - 23 febbraio - carcere di Padova, impiccagione;
  11. Rocco Nania, 42 anni - 24 febbraio - carcere di Vibo Valentia, impiccagione;
  12. Roberto Giuliani, 47 anni - 25 febbraio - carcere di Rebibbia (Roma), impiccagione;
  13. Giuseppe Sorrentino, 35 anni - 7 marzo - carcere di Padova, impiccagione;
  14. Angelo Russo, 31 anni - 10 marzo - carcere di Poggioreale a Napoli, impiccagione;
  15. Detenuto italiano, 47 anni - 27 marzo - carcere di Reggio Emilia, asfissia on gas;
  16. Romano Iaria, 54 anni - 3 aprile - carcere di Sulmona, impiccagione;
  17. Carmine B., 39 anni - 7 aprile - casa circondariale di Benevento, impiccagione;
  18. Detenuto italiano, 40anni - 11 aprile - casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, asfissia con gas;
  19. Daniele Bellante, 31 anni - 13 aprile - carcere di Rebibbia a Roma, impiccagione;
  20. Giuseppe Palumbo, 34 anni - 23 aprile - carcere di Firenze, impiccagione;
  21. Gianluca Protino, 34anni - 26 aprile - carcere di Teramo, impiccagione.
Grazie a Pietro per la segnalazione.

Questo post è stato pubblicato il 27 aprile 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

7 Responses to “Avanti il prossimo (21)”

  1. E' una grande angoscia quella che mi dà questo sciorinare di numeri, nonché un rabbioso senso di impotenza.

    RispondiElimina
  2. Se hai due minuti, beccati questo.

    http://www.youtube.com/watch?v=4YHVmBPOjDU

    RispondiElimina
  3. il problema è che nemmeno i nostri politicattori fanno commenti...

    RispondiElimina
  4. La notizia di Teramo da primadanoi.it:

    Detenuto si impicca a Teramo, aperta inchiesta
    TERAMO. Ennesimo suicidio, il ventiduesimo dall' inizio dell'anno, nelle sovraffollate carceri italiane.

    Gianluca Protino, 34 anni, originario di San Severo di Puglia, è stato trovato impiccato stamane nella sua cella del carcere di Teramo, nel reparto Alta sicurezza.
    Il detenuto - secondo quanto si è appreso al momento - ha utilizzato i lacci delle scarpe annodati alle sbarre della finestra per creare un cappio attorno al collo.
    L'uomo era detenuto nel carcere di Castrogno dall'ottobre scorso, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Dda di Bari per la contestazione di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti.
    Era in attesa della conclusione delle indagini.
    Il cadavere è stato trovato dagli agenti di polizia penitenziaria questa mattina poco prima delle 8.
    Da 24 ore era solo in cella perché l'altro detenuto con cui la condivideva era stato rimesso in libertà. Sul suicidio è stata aperta un'inchiesta da parte della procura di Teramo, coordinata dal sostituto procuratore David Mancini.

    «ENNESIMO CASO DOPO DECINE DI DENUNCE»

    Non fa sconti Eugenio Sarno nel commentare l’ennesima tragedia accaduta tra le mura di un penitenziario italiano.
    «La situazione delle nostre prigioni è indegna. Di certo non può appartenere a un Paese moderno e civile. Purtroppo l’insipienza, mista ad imperizia ed incapacità, dei nostri amministratori non può che rendere ancora più grave l’agonia di un sistema penitenziario alla deriva nella più completa indifferenza mentre si consuma una strage infinita».
    La Uil Pa Penitenziari rivolge un duro appunto critico alla presidente della Commissione Giustizia della Camera, Giulia Bongiorno
    «Leggiamo che in sede di discussione del DDL proposto dal Ministro Alfano e dal Governo sulla detenzione domiciliare e sulla probation ( l’affidamento in prova) la Commissione audirà una serie di associazioni. Duole prendere atto che tra i soggetti auditi non compaiono, ad ora, le organizzazioni del personale. Vogliamo sperare che non sia una intollerabile, ingiustificabile ed inqualificabile dimenticanza. Come si può immaginare di legiferare sul carcere senza assumere indicazioni, pareri, suggerimenti di chi in carcere ci lavora e ci vive. Speriamo, quindi, che la Commissione ripari quanto prima ad questa mancata convocazione».

    RispondiElimina
  5. Detenuto si impicca a Teramo, aperta inchiesta
    TERAMO. Ennesimo suicidio, il ventiduesimo dall' inizio dell'anno, nelle sovraffollate carceri italiane.

    Gianluca Protino, 34 anni, originario di San Severo di Puglia, è stato trovato impiccato stamane nella sua cella del carcere di Teramo, nel reparto Alta sicurezza.
    Il detenuto - secondo quanto si è appreso al momento - ha utilizzato i lacci delle scarpe annodati alle sbarre della finestra per creare un cappio attorno al collo.
    L'uomo era detenuto nel carcere di Castrogno dall'ottobre scorso, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Dda di Bari per la contestazione di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti.
    Era in attesa della conclusione delle indagini.
    Il cadavere è stato trovato dagli agenti di polizia penitenziaria questa mattina poco prima delle 8.
    Da 24 ore era solo in cella perché l'altro detenuto con cui la condivideva era stato rimesso in libertà. Sul suicidio è stata aperta un'inchiesta da parte della procura di Teramo, coordinata dal sostituto procuratore David Mancini.

    «ENNESIMO CASO DOPO DECINE DI DENUNCE»

    Non fa sconti Eugenio Sarno nel commentare l’ennesima tragedia accaduta tra le mura di un penitenziario italiano.
    «La situazione delle nostre prigioni è indegna. Di certo non può appartenere a un Paese moderno e civile. Purtroppo l’insipienza, mista ad imperizia ed incapacità, dei nostri amministratori non può che rendere ancora più grave l’agonia di un sistema penitenziario alla deriva nella più completa indifferenza mentre si consuma una strage infinita».
    La Uil Pa Penitenziari rivolge un duro appunto critico alla presidente della Commissione Giustizia della Camera, Giulia Bongiorno
    «Leggiamo che in sede di discussione del DDL proposto dal Ministro Alfano e dal Governo sulla detenzione domiciliare e sulla probation ( l’affidamento in prova) la Commissione audirà una serie di associazioni. Duole prendere atto che tra i soggetti auditi non compaiono, ad ora, le organizzazioni del personale. Vogliamo sperare che non sia una intollerabile, ingiustificabile ed inqualificabile dimenticanza. Come si può immaginare di legiferare sul carcere senza assumere indicazioni, pareri, suggerimenti di chi in carcere ci lavora e ci vive. Speriamo, quindi, che la Commissione ripari quanto prima ad questa mancata convocazione».

    RispondiElimina
  6. Scusa, ero io qui sopra.
    astime

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post