Colpa dei froci, anzi no: ma anche sì

Dopo le acrobatiche giustificazioni del Vaticano sulle dichiarazioni di Tarcisio Bertone, ci pensa Monsignor Odo Fusi Pecci, Vescovo Emerito di Senigallia, a fugare ogni incertezza e a rimettere i puntini sulle i:

La pedofilia spesso è una diretta conseguenza dell'omosessualità, vizio e disordine orrendo ed orripilante, una vera mancanza di rispetto a Dio, che offende la dignità dell'uomo e va contro natura.
Lo schema, come vedete, è sempre lo stesso: il primo la spara grossa, il secondo smentisce e il terzo rilancia in contropiede.
Quando si dice il gioco di squadra, eh?

Questo post è stato pubblicato il 17 aprile 2010 in ,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Colpa dei froci, anzi no: ma anche sì”

  1. Ma pontifex ha una linea diretta con tutti gli emeriti della penisola?

    RispondiElimina
  2. ma il sito Pontifex..., domando..., è "serio"? A me pare una ricostruzione satirica, tipo le false prime pagine che pubblicava "il Male".

    RispondiElimina
  3. Ma questi vescovi emeriti che peso hanno? Immagino e spero che non se li fili nessuno, tranne quelli di Pontifex...

    RispondiElimina
  4. Il gioco è dire e non dire, lasciar capire, dar l'idea di conoscere qualche verità misteriosa che solo gli eletti possono capire, per citare il noto motto evangelico "chi ha orecchi per intendere, intenda"

    RispondiElimina
  5. Posso dire che mi sembra un gioco di sponda, con un sito di clericofascisti ultrareazionari che spara cazzate megagalattiche e noi laici a corrergli appresso e a dargli un rilievo che probabilmente non ha e non merita? Io mi preoccuperei di più di questo demente qui, che però scrive sul giornale del PresdelCons e non su un sito di nicchia (cito da: http://www.la7.it/blog/autore_dettaglio.asp?idblog=DAW_-_Cambia_il_tuo_punto_di_vista_7&id=11

    che sembra un berlusconiano di ferro ed è schifato pure lui

    Su Libero di oggi troviamo un farneticante editoriale di Mario Giordano, ex direttore del Giornale, di Studio Aperto, l'ex Alieno e Lucignolo, e attuale direttore di Italia 1. Il gran pezzo di giornalismo inizia così:

    c’è solo un tipo di coppia su cui si fonda la nostra società: è la coppia formata da Pisellino e Patatina, maschietto e femminuccia, uomo e donna Iddio li creò.
    Non a caso, secondo natura, i bambini non crescono sotto il cavolo di Dolce&Gabbana ma nascono dall’incontro di persone di sesso diverso.

    (...)
    mi sono un po’ sfracassato i bomboloni di parlare e riparlare dei diritti degli omosessuali. E ho la vaga impressione che fra manifestazioni per le famiglie gay, dibattiti sulle famiglie gay, film sulle famiglie gay e fiction sulle famiglie gay, si stia perdendo un po’ di vista che la vera famiglia di cui bisognerebbe tutelare i diritti è quella normale, cioè non omosessuale. Glande e vulva, testicoli e tromba uterina, tutto in regola, come nei grandi classici. Quelli che non bisognerebbe mai smettere di leggere. Quelli che non bisognerebbe mai perdere di vista. Perché prima o poi bisognerà dirlo chiaramente che per la maggior parte degli italiani il problema non è che si crei per legge la parodia di un finto matrimonio. Il problema, piuttosto, è evitare che si distrugga il matrimonio vero.


    Marino

    RispondiElimina
  6. "come nei grandi classici"

    Nei grandi classici sarebbe bandita l'omosessualità? Dall'Iliade in poi mi sembra che non sia affatto così. Chissà di quali classici parla. Stele babilonesi? Tavolette in Lineare A?

    RispondiElimina
  7. ma basta con sto pontifex
    lo leggono in due
    uno dei quali sei tu metilparaben

    RispondiElimina
  8. Le gerarchie vaticane utilizzano il gioco della sovrapposizione: pedofilo cattivo, omosessuale cattivo. Omosessuale+pedofilo= cattivissimo. Ragionamenti euristici, cioe' semplicistici e di facile adattamento mentale,che suonano bene nel cranio degi italiani, ormai tantissimi ridotti ad ebeti dementi.

    RispondiElimina
  9. Il problema non sono le sparate che fa il pontefice e i vari vescovi, il problema sono i mezzi di comunicazione che ogni giorno danno spazio al vaticano, e i politici coglioni che non sono capaci di prendere le distanze o di fare leggi etiche senza l'approvazione di questi, e cosi non si arriva a fare leggi sulle unioni civili, sul testamento biologico, sull'eutanasia, ecc.

    RispondiElimina
  10. Poi con quale faccia tosta proprio Mari(a) Giordano che non si capisce nemmeno che cazzo di sesso abbia .. si tratta di un transessuale FEMALE-to-MALE ! Ammesso che abbia completato la transizione quel pezzo di merda rottinculo .. ed ha anche la faccia tosta di parlare di patatina e pisellino .... ma si faccia fotografare il punto interrogativo che si ritrova al posto del sesso quel "mutante" !

    RispondiElimina
  11. Caro "anonimo",abbi il coraggio delle tue opinioni, e che diamine! Sicuro che va tutelata la famiglia eterosessuale, con asili nido, tutele per la donna che lavora, difesa dalla precarietà, ma che makle c'è se si tutela ANCHE la famiglia gay?

    RispondiElimina
  12. Quando cerco prove del fatto che buona parte dei capi religiosi sia costituita da atei indefessi mi soffermo su frasi come questa: l'omosessualità è "una vera mancanza di rispetto a Dio". Solo un ateo, infatti, può con tanta fantasia immaginarsi che davvero un dio, creatore di uno sconfinato e complesso universo come il nostro, responsabile ultimo del moto di ogni elettrone e radiazione, generatore stesso della vita, anticipatore e conoscitore minuzioso di ogni futuro accadimento se ne stia lì tutto il giorno a guardare se due omosessuali si diano infine una carezza e quando succeda si senta offeso come un ragazzino orgoglioso. Questo è ateismo devoto nella sua manifestazione più arrembante.

    RispondiElimina
  13. ma, scusate, leggendo bene l'articolo...come facevano gli ebrei a denunciare Pilato a Cesare, che era morto 70 anni prima?

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post