Tenere la "cosa" segreta

Monsignor Giuseppe Agostino, Vescovo Emerito di Cosenza, sui preti pedofili:

Penso che la Chiesa Cattolica avrebbe dovuto mantenere su questi fatti, compiuti da suoi ministri infedeli, la cosa segreta e trattarla con prudenza.
Mentre ringrazio Monsignor Agostino per la sincerità, mi corre l'obbligo di segnalargli, qualora non se ne fosse accorto, che la soluzione da lui prospettata coincide esattamente con quanto è avvenuto: la "cosa", come la chiama lui, è stata effettivamente tenuta "segreta" e trattata con "prudenza", almeno finché qualcuno di quei ragazzini non ha avuto l'alzata d'ingegno di rompere il silenzio, costringendo quelli Vaticano a mandare giù il boccone e ad ammettere l'esistenza di ciò che avevano tenuto nascosto con tanta cura.
Fosse stato per loro, non sarebbe volata una mosca.

Questo post è stato pubblicato il 07 aprile 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

11 Responses to “Tenere la "cosa" segreta”

  1. Lo stesso arcivescovo nello stesso articolo da cui hai tratto la citazione parla anche di chiesa coraggiosa e proclamatrice di verità.
    Eh beh.

    RispondiElimina
  2. Ogni tanto mi piace "giocare" coi suggerimenti di Google Suggestions. Per intenderci, quelle paroline che compaiono sotto la casella di ricerca in google quando stiamo cercando qualcosa e ci suggeriscono risultati che sono attinenti con quanto stiamo scrivendo. Nella versione attuale non è più presente il numero di risultati associato a ciascuna interrogazione ma in genere erano nell'ordine delle migliaia, almeno. Questa sera, dopo aver letto l'ennesimo post relativo ai preti pedofili, ho provato a fare una ricerca -dicendomi- "di sicuro, chissà quante ne usciranno a partire da "preti p". e invece, una query che restituisce 715mila risultati (http://www.google.it/search?q=preti+pedofili&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a), stranamente è completamente assente dai suggerimenti!

    RispondiElimina
  3. Ma si rende conto di quello che dice?
    CON CHE CORAGGIO?

    RispondiElimina
  4. chiesa coraggiosa, proclamatrice di verità? ma cos'è uno scherzo? Dai è una fogna a cielo aperto,vale chi mente di più e con più autorevolezza presunta.Siamo circondati da palle galattiche,non se ne può più

    RispondiElimina
  5. mmm, pensavo fosse una censura sotto mentite spoglie (ma sinceramente non me lo aspetterei proprio da google) e invece forse è semplicemente una epurazione "automatica" perchè è presente la parola "pedofilo". credo che google cancelli tutte le interrogazioni che contengono parole sensibili, come "pedofilo" o anche "cazzo" "merda" "tette" e robe simili.

    RispondiElimina
  6. Il segreto della Cosa del Prelato
    di V.S.Gaudio

    “Qualunque cosa ti succeda, sarà già successa a chiunque tu la racconti, solo di più”: era la Legge di Meader tra le già citate Leggi di Murphy, l’ingegnere aeronautico non l’omonimo cardinale che ha reso comune il suo nome(cfr. il nostro “Il Murphy Creapopoli”). Quindi è meglio tenerla segreta, perché se la racconti, la cosa, sarà già successa a chiunque tu la racconti, solo di più. Sapete cosa scrisse Philip Roth in un suo romanzo successivo all’affare Lewinski? Che se la signorina avesse giocato alla Cosa del Prelato, che, il Signore mi perdoni, è anche detta “Bere alla tedesca”, probabilmente sarebbe stata zitta!Che può voler dire questa cosa? Forse che il vescovo che sta in Calabria ha letto quel romanzo di Philip Roth?

    RispondiElimina
  7. Avrei anche potuto comprendere l'atteggiamento di riservatezza, se quest'ultimo fosse coinciso con un'energica e decisa azione di contrasto al fenomeno e di riparo nei confronti delle vittime. Non mi sarei scandalizzato più di tanto, è una (cattiva) pratica comune a praticamente tutte le organizzazioni di categoria. Purtroppo, nel loro caso la prudenza avrebbero dovuto praticarla nei confronti delle migliaia di prelati coinvolti, invece di concentrarsi (oltretutto senza riuscirci) unicamente nella segretezza.

    RispondiElimina
  8. Classico esempio della mentalità per cui "i panni sporchi si lavano in famiglia".
    Auspico un sussulto di moralità da parte di chi crede, e che per primo dovrebbe giudicare vomitevole un ragionamento omertoso del genere, da parte di una istituzione che si fregia di una superiorità morale, all'ombra della quale costruisce reti di potere degne della peggior politica clientelare.
    Ma c'è ancora chi crede che la Chiesa sia qualcosa di diverso da una enorme struttura di POTERE?

    RispondiElimina
  9. Cominciamo nell'iscrivere nel registro degli indagati chi copre i reati per favoreggiamento. E poi vediamo se continuano ad avere questo atteggiamento.............

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post