Violenza sessuale veniale

Grazie al Tribunale del riesame di Brescia apprendiamo che forzare con un cacciavite la porta del bagno di un locale pubblico in cui si trovano due ragazzine, entrare in quattro e palpeggiarle per benino è sì "qualcosa di quantomeno sgradevole", ma tutto sommato costituisce un atto di "limitata gravità": non violenza sessuale, quindi, ma semplice bullismo, giacché gli autori della simpatica iniziativa, secondo il tribunale, si sono semplicemente "fatti sfuggire la situazione di mano, magari anche a causa dei fumi dell'alcol, ed hanno evidentemente approfittato, facendosi forza del gruppo, della situazione".
Niente di grave, insomma, come conferma il fatto che il parroco della località di residenza degli allegri palpeggiatori, appresa la notizia della loro scarcerazione, ha immediatamente acconsentito alla brillante idea di celebrare una messa.
Per loro, s'intende, mica per le due ragazzine.
Quelle sono solo due femmine.

Questo post è stato pubblicato il 01 aprile 2010 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

19 Responses to “Violenza sessuale veniale”

  1. Giacchè augurare del male a qualcuno è poco elegante, terrò la mia amarezza ed i pensieri negativi soltanto per me.

    RispondiElimina
  2. Ditemi che la storia della messa è un pesce d'aprile, per favore.

    RispondiElimina
  3. Se è un pesce d'aprile, è davvero ben congegnato: la notizia linkata è datata 25 marzo...

    In ogni caso, la cosa non mi sorprende(rebbe): la Chiesa è un'associazione per delinquere.

    RispondiElimina
  4. Chissà cosa ne pensa Tinto Brass:

    http://www.adnkronos.com/IGN/News/Spettacolo/Tinto-Brass-su-Polanski-Fare-sesso-a-13-anni-che-male-ce-La-Madonna-ha-partorito-a-quelleta_3835808474.html

    RispondiElimina
  5. «La lista dei sacerdoti inquisiti per reati sessuali è lunga». È quanto dichiara Pietro Forno, capo del pool antimolestie e procuratore aggiunto di Milano in una intervista dedicata al fenomeno dei preti pedofili.

    «Gli episodi sono così numerosi - aggiunge - che ho un dubbio: molti scelgono l'abito talare proprio perchè è più facile avvicinare i ragazzi». E ancora: «Non solo i colpevoli non vengono cacciati, ma spesso sono solo spostati in un'altra diocesi. E lì possono nuocere ancora». Forno, inoltre, ipotizza una sorta di complicità da parte dei vescovi: «non ho mai ricevuto dalle gerarchie cattoliche una sola denuncia nei confronti di un prete o di un altro sottoposto al controllo vescovile, come un sacrestano, un educatore, un chierichetto».

    http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=96922

    RispondiElimina
  6. Quella dei ragazzi è una stupida bravata andata oltre il limite del buon senso e finita, a mio parere, almeno un poco in molestia sessuale. Ora non ho letto, non ho seguito il caso e non so i dettagli, nemmeno mi interessa saperli. Però quella della messa fa ridere, però è giusto così: si accoglie sotto il prorio tetto un proprio compagno, anche lui vittima della legge contro le molestie sessuali.

    RispondiElimina
  7. Vorrei non sentire più "stupide bravate"

    OT: a quanto pare qualcuno si è messo su fb,noto covo di comunisti malfattori,è uno che abbassa la media della statura,indovinate un pò? Ha appena ringraziato…..

    RispondiElimina
  8. Facile tagliare i pezzi comodi, eh?

    > E' un fatto di "limitata gravità", forse "più un episodio di
    > bullismo che una vera e propria violenza sessuale": così è
    > probabile che il periodo di carcere "abbia fatto loro
    > comprendere il disvalore della condotta posta in essere ed
    > abbia così assorbito, annullandola, ogni esigenza cautelare".

    A parte il fatto che si tratta di una ordinanza cautelare e, quindi, non di una sentenza, si riconosce quello che è palese ad un primo sguardo: si è trattato di un caso di violenza sessuale, attesa la definizione imposta dalla Legge del 1996, ma di minore gravità, di minore rilevanza (art. 609 bis. ult. comma c.p.).
    E il fatto che, perciò, siano stati scarcerati è spiegabile dalla ragione che, probabilmente, atteso che erano ubbriachi ed atteso che l'atto, obiettivamente, non è di gravità inaudita, e soprattutto che sono rimasti al gabbio per un mesetto circa, il gruppetto di simpaticoni abbia capito che certe cose non si fanno.
    POI, se risulterà che abbiano compiuto il fatto, saranno condannati. E non sconteranno la pena, ma questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
  9. Che bello leggere di tutti questi maschi d'accordo coi giudici.
    In fondo è stata "solo" molestia. In fondo si sono fatti BEN un mese. Per due femmine eccheccazzosaràmai!

    Mi fate vomitare. Non capirete finché quattro maschioni forzeranno il vostro bagno "solo per palparvi un po"...


    E al diavolo la prete la sua messa, tanto la misoginia clericale è ormai assodata.
    Il vero scandalo è il sindaco che è andato a intercedere presso il datore di lavoro, visto che il suo stipendio lo pagano anche le cittadine, non solo gli stupratori.

    2010 e stiamo a questo punto. Che schifo.

    RispondiElimina
  10. Beh... non c'è problema.... prendiamo questi bulletti, gli infiliamo un bel bastone nel CULO e poi diciamo che avevamo bevuto troppo. Ma i genitori delle ragazzine sono così scemi che stanno a guardare?

    RispondiElimina
  11. Come maschio posso solo incazzarmi per come vengono considerati gli esseri umani di sesso femminile,ossia: si può molesterle,disturbarle, palparle,ecc. Come se essere una donna sia di per sé già un rischio, una provocazioe, una sfiga, insomma... Purtroppo è da 2000 anni e più che esiste questa cultura aberrante, proprio da quando esitono le religioni monoteiste e patriarcali. Prima non esisteva tutto ciò. Ve l'assicura un paleoantropologo. E sono politeista, per intenderci. Nessuno di questi "macho" ha figlie, mogli e sorelle? Vorrebbero molestare anche quelle?

    RispondiElimina
  12. "Nessuno di questi "macho" ha figlie, mogli e sorelle? Vorrebbero molestare anche quelle?"

    Si, ma sono immacolate come la vergine maria e se venissero "molestate" diventerebbero sante come maria goretti...

    RispondiElimina
  13. No no Lucrezia: la povera Maria Teresa Goretti di Assunta fu Luigi ebbe la "fortuna" di incontrare - a soli 11 anni, già devastata da fame, pidocchi e malaria - un pedofilo impotente e mentalmente disturbato come Serenelli che, incapace di violentarla la pugnalò a morte anziché lasciar perdere... e così diventò santa (e la famiglia di lei venne presa sotto l'ala benevola di parroci e frati che nutrirono i fratelli, li fecero studiare, trovarono un buon lavoro alla madre etc. etc.) Perché morta. Fosse sopravvissuta, sarebbe stata soltanto una "peccatrice" come tante altre. Colpevoli di "indurre gli uomini in tentazione" (anche se sono padri, fratelli o sacerdoti... anche se la vittima è minorenne, appena bambina, o incinta, anziana, malata...) come persino le madonnine piangenti di Fatima e Medjugorije ripetono, amplificate da vari siti ultrareligiosi...

    RispondiElimina
  14. da giurista vorrei conoscere meglio i fatti prima di giudicare. comunque credo che una pena quei due ragazzi se la meriterebbero, fossero anche 10 ore di servizi sociali.

    tanto dopo verrà fuori qualcuno che li giustifica perchè "è colpa dei modelli sociali proposti" e "c'è una carenza educativa": come se
    a) i modelli sociali tornano sempre buoni come scusanti, ma non possono mai essere criticati (vedi palinsesti mediaset)
    b) i grandissimi tagli all'istruzione non influissero anche su questo...

    altro che una messa! incontrassero donne che son state violentate e riflettessero su cosa hanno fatto!

    RispondiElimina
  15. Ma il parroco ha solo fatto il suo dovere.
    Ve la ricordate la parabola del figliol prodigo? Come vengono trattati i due fratelli? Quello che si sbatte, lavora duro e quello che piglia i soldi e se ne va a farsi i beeeep suoi e torna quando le cose gli vanno male. Ammazzato il vitello grasso! per chi? per lo stronzo. Circa l'altro è normale che si faccia un mazzo tanto e pedate.
    Stesso concetto per la pedofilia: si ammazza il vitello grasso per i colpevoli, tanto si son pentiti. E si tuona contro l'aborto. ((in fondo bimbi ne servon sempre, no?))
    Ad ogni modo alle due ragazzine non serve una messa, serve giustizia.
    Anzi, la giustizia serve a tutti noi (pure a quei ragazzi). Un grosso problema è l'ingerenza: ma che 'sto prete predichi pure, benedica ecc, la giustizia è altro. dovrebbe perlomeno. Se quei ragazzi son colpevoli e dio li perdona..bè, che scontino e si rieduchino nell'aldiqua e facciano baldoria nell'aldilà.

    Il sindaco poi.. Si scusa per non esser andato a quella messa..Intercede presso il datore di lavoro.. Ma a che livelli siamo scesi??
    Ho letto che hanno pure messo un sacco nero in testa a una delle due, l'altra è scappata via piangendo e poi i carabinieri, praticamente x caso, le hanno trovate sotto shock.
    Ponendo che sia tutto vero, i responsabili del locale? e poi, giustamente, i genitori delle ragazze?
    Sono perplessa. e disinformata. e non ci sono ancora sentenze.

    Poniamo che non siano colpevoli, vero che cmq ci crederemmo a un fatto del genere?
    Perché? perché non è poi così "assurdo"..perché potrebbe davvero accadere. perché già accade e accade anche di peggio.
    Non so, dobbiamo consolarci a pensare che secoli fa era peggio? o che 'altrove' è peggio?
    Secondo me stiamo regredendo in civiltà.

    Slotin

    RispondiElimina
  16. che schifo.. invece di progredire, si torna indietro. Che schifo, ripeto. E son felice di provare schifo nel profondo.

    RispondiElimina
  17. In compenso se qualcuno si azzarda a fare una battuta... vedi
    Carpi (MO): assessore costretta a dimissioni per frase su aborto - UAAR Ultimissime: http://bit.ly/cIu1Fb

    RispondiElimina
  18. pare che il link cui sopra non funzioni...
    http://www.uaar.it/news/2010/04/03/carpi-mo-assessore-costretta-dimissioni-per-frase-aborto/

    Un Sorriso

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post