La Crociata della Lega contro le donne

Non so se vi è chiaro, ma quella delle ultime elezioni regionali rischia di diventare una data memorabile (in senso negativo) nella storia dei diritti civili, ed in particolare di quelli femminili: dopo Roberto Cota, neo eletto governatore del Piemonte, anche Luca Zaia, suo compagno di partito in Veneto, chiude la porta alla RU486; il tutto mentre l'alleato Stefano Caldoro si accoda in Campania, Gasparri dà dei piazzisti dilettanti a quelli dell'AIFA (ed implicitamente a tutte le agenzie del farmaco europee, che hanno adottato delibere analoghe anni prima), e Monsignor Fisichella sancisce ufficialmente l'accordo con la Lega Nord a suon di piene condivisioni.
Insomma, gente, per i terroni, gli immigrati e gli omosessuali i tempi difficili erano già arrivati da un bel po', e pare che adesso sia il turno delle donne.
Se non siete compresi in queste categorie vi suggerisco di iniziare a chiedervi chi saranno i prossimi: niente di più facile che tocchi proprio a voi.

Questo post è stato pubblicato il 01 aprile 2010 in ,,,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

25 Responses to “La Crociata della Lega contro le donne”

  1. Lo dissi anni fa che prima ci sarebbero stati gli omosessuali e poi le donne... Purtroppo sono stata profetica....

    RispondiElimina
  2. Come ho appena twittato ( http://twitter.com/ArtNite ): l'Italia è in pieno medioevo.

    RispondiElimina
  3. "poi" le donne .. 'nzomma eh .. in effetti noi donne pensavamo di esserceli lasciati alle spalle certi problemi tipo lottare per i diritti basilari .. e invece no .. evviva il medioevo, almeno i cavalieri avevano un codice d'onore e si scrivevano piacevoli poesie alle donzelle.

    RispondiElimina
  4. "Prima di tutti, vennero a prendere gli zingari...e fui contento perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei...e stetti zitto perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali...e fui sollevato perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti...e non dissi niente perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me...e non c'era rimasto più nessuno a protestare." (frase attribuita a B. Brecht)

    RispondiElimina
  5. Metil e Inyqua
    guardate che i tempi difficili per le donne lo sono da sempre...

    date un'occhiata a questo sito
    http://www.utopia.it/

    e continuano ad esserlo...
    non so se hai letto massimo fini, che ci considera una ''razza nemica''
    http://quotidianonet.ilsole24ore.com/2009/03/08/156544-razza_nemica_meglio_soli.shtml

    RispondiElimina
  6. Io sono intelligente! Sarò il prossimo?

    A no, già fatto.

    RispondiElimina
  7. Eccone 1 altro...altro a cui auguro di avere una compagna che vuole abortire...oppure anche lui è gay....

    Ma siamo impazziti? Sono uomini che decidono per le donne.
    Ma che Paese è questo??????????????????????????????

    RispondiElimina
  8. ca**o non so perché ma sono contento di leggere queste cose (EUFEMISMO), soprattutto dopo aver visto in tv donne che fieramente sbandieravano il loro voto a pdl e lega.
    Le donne che li hanno votati, forse, meritano questo trattamento.

    LE ALTRE (quelle con un minimo di dignità che ancora lottano per i propri diritti - che in Italia forse vedranno tra 2-300 anni) NO.

    Ma si sa, i cattoclericomerdofascisti non hanno gran considerazione delle donne (mentre queste ultime sembrano adorarli).

    E le signore padane dovranno stare ancor più attente a non esser stuprate e lasciate incinte da qualche negrozingaroterrone (e vai con nuove fantomatiche ronde), ché sennò saranno loro a dover emigrare nelle regioni rosse (le poche rimaste al partito dell'odio!) per abortire in ospedale.
    Peccato che in altre nazioni siano tecniche consolidate da 30 anni. Ah vero, nelle altre Nazioni non c'è il Papa...

    Questa nazione fa schifo, e ogni volta che pare si sia toccato il fondo si ritorna punto e accapo, però sempre più in basso.

    RispondiElimina
  9. Io cambierei il titolo.
    La crociata della maggioranza delle donne contro le donne.

    RispondiElimina
  10. Ma non finisce il fondo? Ma qui altro che raschiarlo....ma basta!
    Aspetto di sentire testimoniare il Sig. Ratzinger sui suoi dipendenti pedofili...

    RispondiElimina
  11. Avendo toccato il fondo, l'Italia ha iniziato i lavori di trivellazione.

    RispondiElimina
  12. guarda caso solo dopo le elezioni saltano fuori sti discorsi

    RispondiElimina
  13. Cota chiede a tutte le strutture sanitarie piemontesi di ospitare le associazioni Pro Vita.
    Come se già non bastassero gli obiettori!

    RispondiElimina
  14. Ma non doveva essere libera chiesa in LIBERO STATO????
    Dalia treviso

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. http://constatazioni.blogspot.com/2010/04/ehehehe-w-litaglia.html

    RispondiElimina
  17. le persone avranno quello che si sono scelti. proveranno 5 anni e magari la prossima volta si renderanno conto di che pietanza si sono scelti.
    di certo non si puo dire che non sapevano cosa sceglievano,o è ingenuita' o stupidita'... mentre a sinistra gli infiniti distinguo lasciano sempre il dubbio su cosa si sta scegliendo
    Mirko

    RispondiElimina
  18. questi confondono il governare con il comandare

    RispondiElimina
  19. Ma non diciamo cazzate! forse non l'avete capito che fanno finta di litigare su cose assurdi mentre poi sono d'accordi su tutto il resto.

    L'applicazione della ru486 non è materia da ministri o da governatori, compete ai medici e alla scienza medica. Zaia e Cota possono blaterare finchè vogliono e Bersani e la Bonino possono cascarci come pesci lessi, ma nulla cambierà.

    Solo che il popolino così si illude che nel panorama politico esistano due schieramenti e due visioni diverse della realtà... ma va là!!!!!!!!

    RispondiElimina
  20. NO RU486 MA NEMMENDO CONDOM...

    Farmacia sull'Isola Tiberina: non vendiamo
    preservativi, siamo cattolici.

    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=96675&sez=HOME_ROMA

    RispondiElimina
  21. Chi ha votato la lega se la merita.

    Gli altri hanno la soddisfazione morale di essere un gradino sopra il livello delle bestie.

    RispondiElimina
  22. non diciamo cazzate: i voti al PDL sono voti PAGATI.
    Voti delle varie mafie che si sono assicurate gli affari futuri. Ma davvero credete che tutti quelli che li hanno votati li abbiano liberamente scelti? non siamo mica tutti imbecilli.

    RispondiElimina
  23. Adesso è proprio palese che Zaia è andato su grazie a CL, che sfacciato ad uscire il giorno dopo con certe sparate, in qualche modo doveva pur ricambiare per voti che gli hanno dato ma almeno poteva aspettare qualche mese! La solita Repubblica delle Banane!

    RispondiElimina
  24. Bisognerebbe creare una mobilitazione di tutta quella parte di Italia che grazie a Dio ..non è Nord,scendiamo in piazza senza bandiere ma con l'unica comune intenzione di rimandare questi montanari leghisti a mungere le vacche nella Brianza da cui sono venuti,sopratutto cacciamoli da Roma ,la mia città,da quella Roma che giudicano ladrona ma in cui prendono i loro 20 mila euro al mese..quei soldi sono anche i miei anzi i NOSTRI..e a me non va proprio di pagare chi mi sputa continuamente in faccia.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post