Preferenze alternate

Davide Rondoni, su Avvenire, ci delizia con una serie di considerazioni sulla violenza contro le donne:

«Non a caso Dio ha scelto una donna, che oggi si festeggia, per trovare uno spazio adeguato al Mistero della sua incarnazione. Ogni offesa alla donna è, si può dire, un'offesa a questa stessa preferenza di Dio».
In questo paese, Dottor Rondoni, è in vigore una legge che regolamenta la fecondazione assistita; tale legge, tra le altre cose, limita a tre il numero massimo di embrioni che si possono produrre per ogni ciclo di stimolazione ovarica, costringendo le donne a ripetere il pesante trattamento in caso di insuccesso, e prevede che tutti gli embrioni prodotti debbano essere impiantati contemporaneamente, equiparando il ruolo delle donne a quello di vere e proprie incubatrici viventi.
Stante il fatto che la legge in questione è stata approvata grazie alla solerte iniziativa del fronte cattolico, di cui Ella è un autorevole esponente, è legittimo che a un laicista come me sorga qualche dubbio sulle presunte preferenze del Dio di cui parla?
Oppure, come al solito, è solo questione di mettersi d'accordo sul significato della parola "offesa"?

Questo post è stato pubblicato il 17 agosto 2007 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

One Response to “Preferenze alternate”

  1. beh, insomma, da schiave ad incubatrici...ammetti che qualche progresso ce lo hanno fatto fare nella considerazione comune.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post