Inciviltà

Leggo e rileggo la risposta di uno dei medici alla richiesta formale di Welby. Mi torna in mente una frase di Piero nella sua lettera al Presidente Napolitano: “Io credo che si possa, per ragioni di fede o di potere, giocare con le parole, ma non credo che per le stesse ragioni si possa giocare con la vita e il dolore altrui”. Questo è un paese nel quale, giocando con le parole, si fa in modo che la sofferenza di un essere umano precipiti nell’indifferenza. Questo è un paese nel quale, giocando con le parole, ci si fa beffe del principio di autodeterminazione degli individui. Questo è in paese nel quale, giocando con le parole, si impedisce a un medico di svolgere il suo lavoro e di rispettare la volontà di un suo paziente. Un paese del genere, per dirlo in italiano, è un paese incivile.

Questo post è stato pubblicato il 28 novembre 2006. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

Scrivi un commento

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post