Fiat lux

Dal messaggio natalizio di Benedetto XVI:

La festa del Natale è rischiarata da un chiarore che si accende nella notte: è quella di Gesù Bambino, luce che si propaga dissipando le tenebre.
Dalla Stampa di lunedì scorso:
Verona, il parroco caccia dalla chiesa il cane-guida di una cieca. «Fuori quel cane dalla chiesa». Detto fatto e l'ordine lanciato, domenica scorsa, dal parroco della chiesa di Cassone di Malcesine, paesino in provincia di Verona, è stato prontamente eseguito. Peccato che la "vittima a quattrozampe" fosse il cane-guida che aveva consentito ad una donna non vedente di arrivare fino in chiesa per seguire la funzione. (...) Inutile far presente al sacerdote che il cane, oltre a essere diligentemente accucciato tra due panche, fosse anche identificabile per la pettorina "di ordinanza". Il prete è stato irremovibile. Così la non vedente e il cane, accompagnati da due amici, sono usciti dalla chiesa.
Cantiamoci sopra, va', ché è meglio.

Questo post è stato pubblicato il 08 gennaio 2009 in . Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

4 Responses to “Fiat lux”

  1. Se la signora avesse avuto davvero fede, avrebbe riacquistato la vista entrando in chiesa. Il cane-guida era la prova della sua empietà.

    RispondiElimina
  2. ------------ senza parole --------------

    gentilissimo anonimo aspetto con trepidazione un suo commento.......

    RispondiElimina
  3. In casa nostra abbiamo un cane-guida che aiuta mia moglie negli spostamenti; purtroppo devo dire che non è una situazione isolata; spesso abbiamo dovuto litigare con delle emerite testa di XYZ.

    Ci è capitato solo una volta di recarci in chiesa (matrimonio di un amico); il prete non ha detto nulla (non se ne era nemmeno accorto), qualche "fedele" ci ha guardato storto ma probabilmente dato che io incuto timore causa la somiglianza con gli ursidi nessuno si è azzardato a dire nulla!

    Non è mia intenzione scusare il nerovestito in questione, ma devo ammettere che in Italia persiste una grande ignoranza sui permessi straordinari di questo tipo di cani e sul loro importante servizio!

    RispondiElimina
  4. Difendiamo la Tradizione! e i proverbi sono una parte rilevante della tradizione. Oppure nó?
    Mbhé, direte voi...
    Il fatto é che il prete, poarello, difendeva la applicazione del ben noto proverbio:
    " piú sfigato che un cane in chiesa".

    Ahh, che, grave, mancanza di cultura...

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post