Le nuvole dei Presidenti

L'idea mi è venuta leggendo un post del leggendario Maestro Alberto, che riportava la "cloud" delle parole più utilizzate nel discorso di insediamento di Barack Obama. Siccome la trovata mi è piaciuta molto, ho pensato di importare l'idea applicandola alle questioni di casa nostra: ragion per cui sono andato a prendermi i discorsi di insediamento di tutti i Presidenti della Repubblica Italiana e per ciascuno di essi, grazie al fantastico Wordle, ho tirato fuori la nuvoletta delle parole più usate. Vi incollo qui di seguito i risultati dell'esperimento: potete cliccare sopra le immagini per ingrandirle e guardarle nella dimensione originale. A ben guardare, ne converrete, emergono molti spunti interessanti, che lascio commentare a voi: attendo le vostre considerazioni.

ENRICO DE NICOLA (1948)
LUIGI EINAUDI (1948-1955)
GIOVANNI GRONCHI (1955-1962)
ANTONIO SEGNI (1962-1964)
GIUSEPPE SARAGAT (1964-1971)
GIOVANNI LEONE (1971-1978)
SANDRO PERTINI (1978-1985)
FRANCESCO COSSIGA (1985-1992)
OSCAR LUIGI SCALFARO (1992-1999)
CARLO AZEGLIO CIAMPI (1999-2006)
GIORGIO NAPOLITANO (2006-...)

Questo post è stato pubblicato il 22 gennaio 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

6 Responses to “Le nuvole dei Presidenti”

  1. La parola VIVISSIMI e la parola SALUTO mi inquietano...
    Inoltre mi inquieta il fatto che per Napolitano non ci sia una parola ricorrente come per gli altri ma tante parole ripetute con la stessa frequenza...

    Considerazioni: secondo me, man mano,con gli anni, i Capi di Stato si sono adeguati anche loro al "vago" tipico della politica Italiana, parlando di tutto senza dire niente.
    Mentre prima, in un certo senso, un punto fermo e centrale c'era (vedi le parole COSTITUZIONE, STATO, POPOLO, ecc...) ripetute spesso.

    RispondiElimina
  2. L'imponenza di quei VIVISSIMI e SALUTO è surreale...
    Ho notato la scomparsa della parola POPOLO e la quasi totale assenza di parole come CITTADINI, ITALIANI, PERSONE. Mentre ONOREVOLI è ben evidente in molti discorsi...

    RispondiElimina
  3. Grazie per la citazione.

    Un lavoro molto interessante.

    Alberto

    RispondiElimina
  4. che bravo Metil! Veramente interessante. A proposito di giochi, che fine ha fatto il tuo chi l'ha detto? Forse mi sono perso qualche tappa ma non l'ho più visto. Complimenti! MATTEO73

    RispondiElimina
  5. Che bellissima idea!
    Io ho provato ad applicarla ai vangeli.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post