Volontè e quegli anarchici del Pdl [di Sasà]

Seguono le dichiarazioni dell'onorevole Volontè sulla coppie di fatto. Come al solito, argomenti di ferro portati avanti con umiltà, sensibilità e competenza. Che volete, del resto sono stati eletti, e godono di un'investitura papale degna di B16. Let's start.

Non e’ con le unioni civili che si risolvono i problemi del Paese: crisi, poverta’ e occupazione sono le priorita’ alle quali il Governo dovrebbe porre attenzione, invece di perdersi in chiacchiere da salotto.
I problemi del paese si risolvono sposandosi in chiesa, rigorosamente uomo rude ed umile massaia serva del signore.
Le famiglie e le imprese invocano aiuti concreti, come il quoziente familiare e politiche fiscali piu’ equilibrate, non privilegi per gli omosessuali.
Basta con questi privilegi, sono anni che questi "ghei" in Italia "fanno-quello-che-vogliono".
Il Governo pensi a questi problemi e lasci perdere i pruriti momentanei di qualche suo ministro o di qualche sedicente cattolico che interpreta a modo suo la Dottrina sociale della Chiesa.
(uomo) Padre, io... non sono un vero cattolico. (prete) Perchè dici così, figliolo? (uomo) Ci ho provato 1000 volte... ma contro gli omosessuali non riesco ad avere nulla.
Se l’anarchia di valori nel Pdl e’ cosi’ incontenibile, il presidente del Consiglio avvii una verifica interna tra i componenti dell’esecutivo e della maggioranza, traendone le dovute conclusioni.
Oh, sì: "Anarchy in the Pdl" sarebbe un pezzo degno dei Sex Pistols dei tempi d'oro. Sasà

Questo post è stato pubblicato il 05 gennaio 2009 in ,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

2 Responses to “Volontè e quegli anarchici del Pdl [di Sasà]”

  1. DIDORE' di BRUNETTA E ROTONDI NON PASSERANNO DICE IL PRESIDENTE DEI SENATORI DEL PDL (che nome aulico per un personaggio piccolo piccolo)...

    NON PASSERANNO NE' ORA NE MAI!

    AMEN

    Questo il genere di discussione politica sui diritti civili nel Parlamento di una Destra che non ha pari in tutta l'Eropa democratica... e sarebbe ben ora che questa Europa se ne accorgesse con chi devono aver a che fare in Italia i cittadini e anche loro gli Stati Europei che credono che questo Paese sia ancora l'Italia di una volta...

    NO QUESTA ITALIA NON E' QUELLA DI UNA VOLTA...

    a parte la corruzione schifosa e avvilente, immorale, di una classe politca, superpagata, e ladra spesso e volentieri... chiacchierona e nullafacente, in un ginepraio di leggi fatte apposta per essere spesso raggirate...

    questa ottusità tutta italica verso qualunque diritto che non sia la FAMIGLIA (padre madre e figlio) è divenuta

    davvero insopportabile poichè è dettata da un massimalismo religioso d'altri tempi, che deborda da ogni parte, e da una visione univoca dei rapporti sociali che è tipica di un clerico-fascismo d'altri tempi.

    Antesignano e portabandiera di questo modo di pensare, meglio di imporre è il Signor MAURIZIO GASPARRI,

    SENATORE DEL SENATO DI QUESTA REPUBBLICA (i cui avi non sappiamo se fossero imparentati

    con quelli che diedero i natali a quel famigerato cardinal Gasparri che firmò i Patti del Laterano con l'allora Duce Benito Mussolini l'11 febbraio del 1929)....

    Non troppo avvezzo alle argomentazioni e alle riflessioni un poco impegnate, lo sguardo certamente più vicino all'assente in cui poco guizzano i lampi di genio o di intuizione, il Senatore prende spesso parola per interdire, per intimidire, per bloccare, per straparlare.... insomma per mettersi di traverso, comunque e ovunque....

    è in buona compagnia ovvio, con i gennizzeri vaticani che sono di volta in volta il LUPI (ciellino doc) e poi

    il VOLONTE' (quello che chiama i diritti umani di gay e lesbiche privilegi!) sempre inaciditi come zittelle attempate quando si tratta di dare diritti o riconoscimenti legali ai gay in Italia... chissà che recondite rabbie nascondano? Forse ce l'hanno tanto con i gay manifesti perchè sono loro omofili autorepressi?
    Stando alle acquisizioni della psicologia moderna si direbbe di sì....

    QUELLO CHE IN ALTRI PAESI E' SCONTATO E LAPALISSIANO, QUI PROVOCA - AUSPICE IL SOVRANO PONTEFICE E IL SUO PENSIERO TEOLOGICO - FEROCI DISCUSSIONI E INTERMINABILI DISTINGUO DI LANA CAPRINA.

    Non se ne può davvero più....

    Ormai ogni accenno pur moderato ai diritti delle persone omosessuali è visto come un attacco alla FAMIGLIA

    (padre madre e prole) ogni apertura ai conviventi è un affronto al sacro suolo del matrimonio.... E' stato Ratzinger che ha ideato il sofisma, lo speculare assioma che ogni diritto dato ai gay toglie e minaccia quello degli etero.... impugnando la sacralità della Famiglia ha deciso che lo Stato non dovrà riconoscere neppure il diritto ad esistere agli omosessuali, poichè negando la relazione, nessun uomo o donna omosessuale, può ovviamente vivere nel senso più ampio del termine, dato che è nella relazione che si realizza la personalità delle stesse persone umane....

    LA POSTA IN GIOCO, CHE GASPARRI COMPRENDA O NO, E' CHE AI GAY IN ITALIA SI VUOLE RENDERE APPUNTO LA VITA IMPOSSIBILE: è questo è un crimine...

    Ed è meglio che l'Europa lo sappia bene...

    Non è in gioco soltanto un riconoscimento formale della coppia e della relazione tra due dello stesso sesso, è in gioco, considerando l'ostilità sociale che spesso segna la vita degli omosessuali, la loro stessa esistenza, il loro poter diventare cittadini con diritti e doveri come gli altri cittadini.... è in gioco la sopravvivenza in un universo italiano ostile e di pregiudizio, negatore di ogni valore della persona omosessuale in quanto tale e delle relazioni sociali e familiari che questa potrà costruire e animare.

    QUELLO CHE RATZINGER VUOLE - OCCORRE DIRLO E GRIDARLO ANCHE CON CHIAREZZA - E' ANNIENTARE LA VITA SOCIALE DEGLI OMOSESSUALI, A PARTIRE PROPRIO DALLA LORO STESSA OMOSESSUALITA' : FAR SI' CHE PARTENDO DAL DATO DELL'AMORE TRA UGUALI NON PERVENGA ALCUN DIRITTO MA SOLTANTO NEGAZIONI E DISCRIMINAZIONI; E QUINDI IL DILEGGIO O LA DISAPPROVAZIONE MORALE (MORALISMO) DELLA GENTE E DELLA SOCIETA'...

    SE non è un crimine ed un reato questo, un attentato in piena regola ai diritti umani e sociali delle persone?

    per capirlo basterebbe sostituire la parola omosessuale con una che inidica le categorie discriminate nella storia come "ebreo" "negro", "zingaro"

    PENSATE SE IL PAPA AVESSE DETTO : Due ebrei non hanno il diritto di sposarsi davanti allo Stato

    Due negri non possono sposarsi nella società civile, oppure Due zingari non possono contrarre un matrimonio...

    GASPARRI SEGUE LE DIRETTIVE PONTIFICIE.... dice che le Unioni Civili non sarano mai votate dal PDL

    Il Fascista è tornato ancora dalle parti del Laterano... non c'è più il libro e il moschetto ma il Balilla è perfetto

    lo stesso... e invece del Cardinale Gasparri ci stà Gasparri Maurizio...

    LA STORIA SI RIPETE... e si ripete l'opressione e l'emarginazione di una MINORANZA SOCIALE... come sempre



    CENTRO STUDI TEOLOGICI DI MILANO

    mons. + Giovanni Climaco Mapelli

    Arcivescovo Primate

    RispondiElimina
  2. Concordo, non senza ricordare l'esistenza di una certa Signora Binetti e compagni, nel "maggior partito di opposizione".

    Sfortunatamente il "contagio clericale" é trasversalmente diffuso in tutto il parlamento.
    Con i noti risultati.

    D'altro canto, se fossimo (fossi) certi che la maggioranza degli italiani é clericale...potremmo, dovremmo, solo fare azione politica per trasformare la detta maggioranza, clericale, in minoranza.

    Se é cosí, maggiori cazzate sparano i clericali, paggiori cazzate spara il pastore tedesco e quelli del suo branco, meglio per noi.
    Piú facile dimostrare quanto siano fuori dal mondo.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post