Spudoratezza clericale

Il Cardinale Renato Raffaele Martino intervistato dall'Osservatore Romano:

La Chiesa si oppone decisamente alle legislazione di quegli Stati che condannano, a volte sino alla pena capitale, l’omosessualità.
Da Yahoo News del 22 dicembre scorso:
Lunedì i leader religiosi dell'Etiopia hanno chiesto ai legislatori di emendare la Costituzione del paese per proibire l'omosessualità. (...) Durante un meeting nella capitale, una dozzina di esponenti religiosi, compresi i capi etiopi della Chiesa Ortodossa, della Chiesa Cattolica e della Chiesa Protestante, hanno adottato una risoluzione contro l'omosessualità, definendola "la vetta dell'immoralità". (...) In Etiopia gli omosessuali possono essere condannati a un minimo di 6 mesi di carcere. (...) Ma mentre l'omosessualità è illegale per il codice penale, non è menzionata nella Costituzione. "Esortiamo i parlamentari a promuovere il divieto dell'attività omosessuale nella Costituzione", afferma la risoluzione.
Voi che ne dite, è Martino che ha un concetto di decisa opposizione singolarmente astruso (o, alternativamente, non conosce quelli che mandano avanti la sua baracca in giro per il mondo), oppure siamo di fronte alla consueta convinzione che ci si possa prendere tutti spudoratamente per il culo?

Questo post è stato pubblicato il 03 gennaio 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

14 Responses to “Spudoratezza clericale”

  1. secondo me sono delle merde, Ale.

    RispondiElimina
  2. ma non ti stanchi mai di mentire e falsificare le parole degli uomini di chiesa?
    sempre queste semplificazzioni
    non ti porteranno molto lontano la verità alla fine vince
    basta con le vostre falsita! basta con le vostre volgarità e il turpiloquio! anche chi non ha il dono della fede deve portare rispetto ai cardinali e agli uomini di Chiesa!

    RispondiElimina
  3. un'amorevole pernacchia al simpatico anonimo!

    RispondiElimina
  4. ... e anche un calcio nelle auguste chiappe, giusto perchè mi sento buona.

    Quanto alla loro sfacciata convinzione di trovarsi davanti a un branco di lobotomizzati senza memoria... beh. Non ha tutti i torti. La maggioranza degli italiani ha votato Berlusconi. TRE VOLTE.

    RispondiElimina
  5. @ Anonimo

    Cardinali e uomini di Chiesa il rispetto se lo devono meritare come tutti.

    RispondiElimina
  6. ......niente di nuovo sotto il sole.....

    la solita ipocrisia del cazzo!!!!

    la piu grande truffa della storia continua!!!

    RispondiElimina
  7. e come al solito non hanno neanche il coraggio di dichiararsi apertamente.......

    vero anonimo ??

    grande ale !!

    RispondiElimina
  8. Credo che la sua superficialità sia frutto anche dell'ignoranza (semplificazzioni), oltre che ad un lavaggio del cervello sin dall'infanzia.
    Ogni volta mi stupisco di come i cattolici manchino totalmente di senso critico, dato che prendono per oro qualsiasi affermazione fatta dal clerico di turno, senza soffermarsi a chiedersi se quanto detto, corrisponda a realtà o verità.

    RispondiElimina
  9. È lo stesso per tutti gli altri temi cosiddetti sensibili. In America Latina sono capaci di fare pesante campagna perché sia proibito l'aborto a una dodicenne stuprata dal padre, qui – stanti i sentimenti popolari – nonostante tutto non oserebbero (purtroppo, mai dire mai…)

    RispondiElimina
  10. Gentile anonimo,
    stavolta, mi perdoni, il suo consueto (mediocre) tentativo di replica non vale nemmeno lo sforzo di un post.
    Ella, mi consenta di dirlo, sta diventando una presenza assai noiosa, che neppure i pur gustosissimi errori di ortografia e grammatica di cui i suoi interventi sono costellati riescono più a rendere appena meritevole di attenzione.
    La presente, quindi, per comunicarle che, a meno di sostanziali (quanto difficilmente ipotizzabili) miglioramenti nel tenore delle sue esternazioni, questa è l'ultima volta che mi degno di prestarle una sia pur minima attenzione.
    Saluti.

    RispondiElimina
  11. Commento per Serena.
    Vivo in Colombia e ho vissuto per 10 anni in Brasile.
    É vero, la maggior parte della Chiesa Cattolica Apostolica Romana é piú fondamentalista di quella Italiana; ma, sono altrettanto e piú fondamentaliste le maggiori "sette" evangeliche.

    Detto questo, una maggioranza abbastanza larga di popolo non se li fila del tutto.
    La visita del pastore tedesco in Brasile ha mosso meno pubblico che una tournee di qualunque rokkettaro famoso.

    I governi si fanno un kiletto di cazzi loro e, se il nunzio grida un pochino troppo, gli dicono "callate" o "cala a boca" quando va bene; sennó lo ignorano.

    Se in Italia trattassimo (trattaste) ilpastore tedesco come lo trattano in Brasile... allorra sí che sarebbe "oro che cola"

    RispondiElimina
  12. Azzo, mi dimenticavo...
    A Bogotá é successo verso maggio/giugno proprio il caso della 12enne che abortisce.

    Al primario di ginecologia di uno dei maggiori ospedali di Bogotá é stato chiesto di praticare l'aborto, secondo la (nuovissima)legge colombiana.
    Il nunzio si é "strappato le vesti" minacciato il primario di scomunica, minacciato il governo di qualunque cosa minacciabile ecc.

    Il primario ha operato e spernacchiato il nunzio.

    Il governo ha spernacchiato il nunzio.

    Tutti i maggiori "media", televisioni comprese, hanno preso pesantemente posizione a favore del primario e spernacchiato il nunzio.

    Sufficente?

    RispondiElimina
  13. metilparaben,
    mi dispiace che non vuoi confrontarti con me
    forse non hai più argomenti?
    ricorda che chi parla da solo ha sempre ragione!

    io sono qui e spero che tu non voglia censurare i miei messaggi in futuro
    anche se dissento spesso da te ti rispetto (più di quanto forse tu non mi rispetti) e credo di mantenrermi sempre nei limiti della correttezza anche se a volte certe vostre frasi mi fanno arrabbiare molto

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post