Sporcaccioni

Leggo e rileggo, sul sito di Luigi Cascioli, alcuni esempi del codice morale sessuale elaborato dalla chiesa nel corso dei secoli:

I palpeggiamenti che precedono il coito, da considerarsi peccato veniale se si limitano a semplici carezze, assumono una gravità mortale se sono eseguiti con baci sugli organi genitali e sulla bocca e soprattutto se con l’introduzione della lingua (Debreyne - Teologo).
L’adagio “straziami ma di baci saziami” porta dritti all’inferno.

Il coito tra marito e moglie deve essere praticato non più di quattro volte al mese (Sanchez- Teologo), ma non è peccato se ad un coito compiuto durante il giorno ne segue un altro nella notte successiva (Sant’Alfonso de Liguori - Teologo).
Cara, abbiamo sei minuti prima che canti il gallo.

Poiché l’uomo s’indebolisce prima, la donna commette peccato se pretende due prestazioni consecutive (Zacchia- Teologo).
Figurati amore, non è che non ce la faccio, ma sai bene quanto sono pio.

Tra gli atti preliminari del coito sono considerati veniali la penetrazione del membro nella bocca e l’introduzione di un dito nell’ano della donna (Codice ecclesiastico).
La vicenda comincia a farsi interessante…

Poiché il distendersi sul dorso è contro natura, per non commettere peccato la donna deve eseguire il coito mostrando all’uomo la sua parte posteriore (Casistica).
Ovvero, la cosiddetta “pecorina clericale”.

Il coito anale non costituisce peccato mortale se viene concluso nella vagina (Sanchez-Teologo).
Parole d’ordine: velocità e destrezza.

I seminaristi e i giovani preti commettono solo peccato veniale se arrivano all’eiaculazione attraverso semplici carezze (Diagonali).
Gli altri, invece, possono anche farsi le pippe in modo tradizionale?

Contrariamente alla polluzione involontaria che non genera colpa, è da ritenersi peccato gravissimo la masturbazione perché essa, secondo a chi si rivolge il pensiero, corrisponde all’adulterio, all’incesto e allo stupro. La masturbazione diventa poi un orribile sacrilegio se l’oggetto del desiderio è la Beata Vergine Maria (Sanchez - Teologo).
Giuro che questa non l’avevo mai sentita.

Facciamo mente locale: quelli che strillano per proibire l’uso del preservativo mentre in Africa l’AIDS ne fa secchi a milioni sono gli stessi che hanno elaborato queste assurdità.

Fate un po’ voi.

Questo post è stato pubblicato il 14 dicembre 2006. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

Scrivi un commento

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Sponsor

Random Post