Una parola è poca, due sono troppe

Gli esponenti della Chiesa prima si stracciano le vesti quando Ikea decide di non mettere in vendita il presepe nei suoi punti vendita, poi si indignano allorché un sexy shop friulano decide di allestire la capanna con la sacra famiglia in una delle vetrine solitamente adibita all’esposizione di oggetti per soli adulti. Invitando i vescovi alla coerenza mi permetto di ricordare loro, da ateo, la nota vicenda dei peccati e delle pietre: consapevole del fatto che i vertici ecclesiastici, ultimamente, non sembrano disdegnare né di commettere i primi, né di scagliare le seconde.

Questo post è stato pubblicato il 04 dicembre 2006. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

Scrivi un commento

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post