Mission impossible

Sicurezza e immigrazione sembra che vadano a braccetto in Italia. E' come dire che la criminalità è dovuta all'immigrazione, gli immigrati son tutti criminali tant'è che negli anni '70 non c'erano stupri, rapine, attentati...Un po' troppo, l'esagerazione ha un limite. Ovviamente i dati dimostrano, in Italia e nel resto d'Europa, che l'immigrazione ha portato un aumento di criminalità, ma con l'aumentare della popolazione era logico che aumentassero i reati. Gli italiani non si tirano indietro, i delinquenti stanno dappertutto, al di là del colore della pelle e del credo religioso. Perciò le ronde sono una risposta sbagliata ad una esigenza reale, tutti sentiamo il bisogno di più sicurezza, ma la risposta non è certo quella delle camice verdi per le strade. Nelle strade, sul territorio a presidiarlo, cioè a dar prova della unità dello Stato e della bontà di pagare le tasse ci devono stare le forze di polizia. E' francamente inaccettabile, un passo indietro verso le città-stato, tagliare i fondi alla polizia e ai carabinieri e darne invece a "pattuglie di cittadini" di partito.
Ecco, con questa storia delle ronde sono riusciti perfino a farmi essere d'accordo con Volontè.
Per la serie: i piccoli grandi miracoli del fascismo.

Questo post è stato pubblicato il 07 marzo 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Mission impossible”

  1. CAVOLI! Con questa sarebbe, a memoria, la seconda volta che ti trovi concorde con il pio Volontè.


    Non è che mi stai diventando
    UNIONDEMOCENTRISTA?
    :-)

    RispondiElimina
  2. Per usare un trito luogo comune, è pur vero che anche un orologio rotto segna l'ora giusta... due volte al giorno.

    RispondiElimina
  3. Non può averlo scritto Volontè... non ci sono errori né di ortografia né di sintassi

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post