Un blogger

L'altroieri, nel carcere iraniano di Evin, è morto un ragazzo che si chiamava Omid Mirsayafi. Omid era un blogger, ed era stato arrestato qualche mese fa con l'accusa di aver criticato il regime della Repubblica Islamica. Pare che la morte, ufficialmente rubricata come suicidio, sia in realtà sopraggiunta in seguito all'aggravarsi delle precarie condizioni di salute del giovane, colpevolmente ignorate dalle autorità carcerarie nonostante le continue segnalazioni del suo compagno di cella.

Al di là di ogni retorica, l'occasione mi dà modo di ricordare -prima di tutto a me stesso- che in giro per il mondo c'è chi è disposto a lasciarci la pelle, pur di fare quello che molti di noi fanno tutti i giorni.
E, già che ci sono, di chiedermi se sarei capace dello stesso coraggio.

Questo post è stato pubblicato il 20 marzo 2009 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

5 Responses to “Un blogger”

  1. Posso portare anche l'esempio dei blog dei dissidenti cubani...

    RispondiElimina
  2. Ero corso a scrivere due righe, l'hai già fatto tu amico, faccio anche mio il tuo pensiero...

    RispondiElimina
  3. Bella sintonia di pensiero. Quoto e copio qui Bleek che mi precede.

    RispondiElimina
  4. già... e pensare che per noi è così "normale"---- un pensiero per lui.....

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post