Discepoli a responsabilità limitata

Giuseppe Betori, Segretario della CEI, tiene a precisare che la Chiesa non può ritenersi responsabile degli atti di pedofilia commessi dai singoli sacerdoti.
Ora, si dà il caso che io non sia un esperto di religione: però s’era detto, se non ricordo male, che Gesù Cristo fosse morto in croce per caricarsi sulla schiena tutti i peccati del mondo.
Se tanto mi dà tanto, mi pare che come epigoni non siate un granché.

Questo post è stato pubblicato il 24 maggio 2007 in ,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

10 Responses to “Discepoli a responsabilità limitata”

  1. Sei banale.
    Non sei ne cinico, ne sardoico.

    RispondiElimina
  2. La chiesa è responsabile dei reati di pedofilia nel momento in cui si genera la complicità nascondendo i preti pedofili alla giustizia degli uomini.

    RispondiElimina
  3. E' strano come a voi Gay oltranzisti sfugga il carattere artificiale insito nell'esasperazione giurisprudenziale della vostra condizione.

    Però pensandoci bene non è così strano.

    RispondiElimina
  4. "il carattere artificiale insito nell'esasperazione giurisprudenziale della vostra condizione."

    Sto ridendo molto, molto forte.

    Perché il matrimonio è naturalissimo. Come i vestiti e i tram.

    (Mi piacerebbe capire cosa ne pensano questi oppositori del matrimonio gay del matrimonio tra due bisessuali di sesso opposto.)

    RispondiElimina
  5. Secondo me è imbo sotto mentite spoglie. E a me più che altro piacerebbe capire come mai a questi non passa mai per la mente che si possano avere a cuore certi temi anche senza essere gay - nè oltranzisti, nè moderati. Manie di persecuzione, forse?

    RispondiElimina
  6. Hal, per dare incisività alle proprie sentenze, occorre scriverle correttamente: http://www.demauroparavia.it/73194
    in assenza di contenuto, perbacco, almeno la forma!
    ciao valeria

    RispondiElimina
  7. @finazio-> Ineccepibile.

    @al-> a parte il fatto che artificiale fa rima con giurisprudenziale, e condizione con esasperazione, il concetto mi sembra contorto: tutto scorza e poco contenuto. Rifletti sul fatto che io non sono gay, e chiediti perché uno cerchi di battersi per quei diritti anche se non coincidono con le sue istanze.

    @restodelmondo-> sentiamolo, cosa ne pensano.

    @andrea-> appunto.

    @valeria-> pretendi troppo.

    RispondiElimina
  8. Al, cos'è un gay oltranzista? Uno che non ne vuole sapere di diventare etero? Tanto per capire.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post