Io col Comune ci lavoro: il Comune lo sa

Grazie all'iniziativa del radicale Mario Staderini, le Jene hanno avuto modo di confezionare questo istruttivo servizio sullo scandalo delle affissioni abusive. Vale davvero la pena di dargli un'occhiata, perché dentro c'è una specie di compendio dei problemi che affliggono l'Italia: illegalità, connivenza dell'amministrazione nel favorire certe imprese private, arroganza dei partiti politici, impunità per chi infrange le regole.
Ricordatevene, la prossima volta (manca poco alle elezioni) che vedrete la consueta orgia di manifesti elettorali appiccicata sul muro sotto casa vostra: ma soprattutto ricordatevi di chi, malgrado tutto, si ostina a rispettare le regole.
E quei manifesti non li attacca.

Questo post è stato pubblicato il 22 aprile 2009 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

6 Responses to “Io col Comune ci lavoro: il Comune lo sa”

  1. Pure l'esclusiva!!! No, no, io propongo di liberalizzare il mercato, è più democratico!
    ps. Complimenti vivissimi a Comune e Parlamento... poi dicono che i deputati non lavorano. Quest'anno sono addirittura in anticipo.

    RispondiElimina
  2. Voi quei manifesti non li attaccate perchè non avete nulla da comunicare.

    RispondiElimina
  3. È molto semplice: chi rispetta le regole non vince le elezioni.
    Viceversa, chi tappezza una città (o un Paese) abusivamente, una volta eletto condona i suoi abusi con una leggina ad hoc.

    Si chiama fascismo, baby.

    RispondiElimina
  4. Caro Metil, a te che piace la satira guardati le vignette sul MIO sito, sempre se vuoi.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post