Professione: aguzzino

Avvenire di oggi dà conto della circolare che il direttore generale dell'Azienda Sanitaria ha inviato ai medici della Regione Marche in merito alla pillola del giorno dopo, nella quale si invita il personale medico, «considerata la situazione di obiettiva gravità ed urgenza in cui la richiedente versa», a «riscontrare positivamente la richiesta, rilasciando la relativa prescrizione». Avvenire, ovviamente, etichetta la direttiva come un "diktat", e riporta il commento di un non meglio identificato "ginecologo di consultorio pubblico", il quale si premura di precisare quanto segue:

Stiamo predisponendo una lettera per riaffermare la nostra volontà di non sottostare a questa disposizione che nega la nostra libertà professionale.
Ebbene, a questo punto viene da domandarsi: qual è la professione cui fa riferimento il nostro amico medico? Quella di negare i diritti delle donne? Quelle di obbligarle a rinunciare alla contraccezione? Quella di fare in modo che rimangano incinte contro la loro volontà?
Parrebbe di sì, giacché la libertà professionale cui fa riferimento il nostro amico consiste nel voler imporre la propria coscienza sul corpo di un altro, determinandone le scelte riproduttive e vanificando la sua volontà.
Il dubbio, quindi, non riguarda tanto la libertà professionale che l'anonimo medico dell'articolo rivendica, quanto la liceità della professione cui quella libertà, a suo dire, dovrebbe applicarsi.
Giacché non risulta a chi scrive che la professione di aguzzino sia consentita dalla legge.

Questo post è stato pubblicato il 28 aprile 2009 in ,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

7 Responses to “Professione: aguzzino”

  1. ma quando si smetterà di concedere a tutti - per qualunque cosa - un presunto diritto di obiezione di coscienza?

    di questo passo - e con questo metro - consentiremo ai medici donne (se islamici osservanti) di non visitare un uomo malato grave, perché maschio.

    per lo stesso aborto, l'obiezione di coscienza doveva essere una norma transitoria valida solo per chi era ginecologo all'epoca.
    adesso è indegna

    RispondiElimina
  2. Obiezione di coscienza. Esiste solo in Italia. In tutto il resto del mondo se non fai il tuo lavoro ti licenziano. Da noi fra un po' gli daranno una medaglia!

    RispondiElimina
  3. E grazie, tanto quella a cui rischiano di complicare la vita la considerano già di partenza una puttana. Che bell'esempio di senso etico e di moralità.

    RispondiElimina
  4. Tanto questo non è più uno stato di diritto, da un bel po!
    Quando si sente dire in continuazione che le leggi divine prevalgono su quelle umane...

    RispondiElimina
  5. per Franz: non solo tra poco gli daranno la medaglia: se non sei obiettore in Italia non fai carriera. Vedi tu...

    RispondiElimina
  6. Se li turba tanto prescrivere la pillola del giorno dopo, perché fanno i medici o i farmacisti? Cambino mestiere e lascino perdere la coscienza che non c'entra niente (vedi il caso del medico di Rapallo, "cucchiaio d'oro" e suicida ma beneficiante di funerali religiosi). Il ruolo del medico è curare il prossimo, non somministrargli lezioni di etica e morale.Mi viene in mente quel farmacista di Aulla che si vantava di non vendere contraccettivi. Il piccolo moralismo all'italiana.

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo con Senza Parole... se non vuoi fare IGV o prescrivere la pillola del giorno dopo (che altro non è che una dose ormonale per impedire l'impianto di un ovulo fecondato) o non fai il ginecologo o non lavori in una struttura pubblica.
    Sono stufa che la morale (perversa) di qualcuno incida sulle scelte di un'altra persona.

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post