Le voci (di due amici) nel deserto

Renato Schifani, Presidente del Senato, 19 aprile 2009:
Eminenza Reverendissima, in occasione dell'anniversario dell'ascesa di Sua Santità Benedetto XVI al Soglio Pontificio, voglia farsi partecipe presso il Santo Padre del rinnovato augurio del Senato della Repubblica italiana e mio personale perché la sua autentica testimonianza di carità cristiana, l'instancabile opera pastorale, il suo alto e illuminato Magistero possano sempre rappresentare nel mondo un segno di speranza per tutti i popoli della terra.
Donatella Poretti e Marco Perduca, senatori radicali eletti nelle liste del PD, 20 aprile 2009:
Ci ha meravigliato, e non positivamente, sentire ieri il Presidente Schifani estendere gli auguri per l'anniversario dell'elezione di Benedetto XVI a nome del Senato. Non solo riteniamo irrituale, se non contro i valori della nostra Costituzione, il compiacimento per la celebrazione dell'elezione di un Capo di Stato non democraticamente eletto, ma enfatizzare tale ricorrenza alla vigilia della decisione del Vaticano di non seguire la coraggiosa mossa anti-razzista del Governi italiano di non partecipare alla Confereza Durban 2 è stato augurio alquanto inopportuno.

Questo post è stato pubblicato il 21 aprile 2009 in ,,,,. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. o se vuoi lasciare un commnento.

3 Responses to “Le voci (di due amici) nel deserto”

  1. Purtroppo a me la cosa non ha meravigliato affatto...

    RispondiElimina
  2. Mi scuso se occupo questo spazio non per commentare il post di Metilparaben , ma per far presente quanto sta avvenendo.
    Riporto la notizia letta sul blog di un amico LOGOS NELLA NEBBIA
    Forse vale la pena di approfondirla.
    Mi scuso ancora per questa invasione
    Marilena

    REVISIONE LEGGE 81
    SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO
    Un'altra notizia che
    sta passando quasi inosservata ( ieri Bruno Vespa ha fatto una trasmissione
    sulle creme di bellezza, ma intanto non è certo lui il mio punto di
    riferimento) è la revisione della legge 81 sulla sicurezza nei posti di lavoro.

    Il governo sta introducendo un articolo, 15 bis, che deresponsabilizza il
    datore di lavoro e i dirigenti,
    scaricando tutte le responsabilità sui
    lavoratori e le categorie più basse.
    Tengo a precisare che siamo in pieno
    processo Tyssen a Torino e la legge in questione avrà effetto retroattivo.

    Morale, qualche operaio morto nel rogo di Torino può essere dichiarato
    responsabile ed addirittura i famigliari pagare i danni, come ha confermato il
    Proc.della Rep. di Torino.
    I Tg in questi giorni non ne hanno proprio parlato.

    I giornali allineati ovviamente manco a parlarne.
    Ma c'era il finale del grande
    fratello.

    RispondiElimina
  3. oggi repubblica.it riporta la notizia dell'appello dei familiari delle vittime della tyssen a riguardo della legge,che comunque colpira'tutti i lavoratori.
    Marilena hai fatto bene anche xche nel totale silenzio di partiti e sindacali rimane solo la voce dei blog e dei lettori...
    non mi dilungo,ciao
    mirko

    RispondiElimina

Poll

Powered by Blogger.

Popular Posts

Followers

Blog Archive

Subscribe

Labels

Random Post